HOME

FASHION

BEAUTY

TRAVEL

DESIGN

FOOD

NEWS

ARCHIVE

CHI SIAMO


HOME

FASHION

BEAUTY

TRAVEL

DESIGN

FOOD

ARCHIVE

CHI SIAMO


A new online Magazine of the most famous International Brands and Italian-Lifestyle Testimonials




HOME

CHIUDI ...

''LA REGIONE DELLE MADRI. I PAESAGGI DI OSVALDO LICINI''




A Monte Vidon Corrado, nella Casa Museo e Centro Studi Osvaldo Licini la bella mostra fino all'8 dicembre



La mostra ''La regione delle Madri. I paesaggi di Osvaldo Licini'' rappresenta una
straordinaria occasione per riflettere sull'opera del grande artista marchigiano,
proponendo all'attenzione del pubblico una inedita immagine del suo percorso
poetico: il profondo e indiscusso legame con il paesaggio.


Un paesaggio che è inteso come universo di suggestioni ed emozioni, capace di coinvolgere e di essere oggetto di interpretazione, ma soprattutto di essere vissuto come forza evocativa e primaria fonte di ispirazione per chi, come Licini, ha scelto il silenzio delle valli e dei borghi marchigiani come condizione ideale per vivere e dare espressione al proprio mondo interiore.



L'evento espositivo intende tracciare un viaggio nel tempo e dentro l'anima
dell'artista, attraverso un percorso sentimentale che, indagando nelle profondità
del suo mondo, sviluppa un itinerario figurativo che va dagli anni venti agli anni
cinquanta del secolo scorso, esponendo opere già note al pubblico insieme ad altre
inedite e proponendo una rilettura delle fonti letterarie e documentarie,
insostituibili strumenti per dare voce a suggestioni e memorie.

Monte Vidon Corrado rende omaggio a Licini esponendo nelle due diverse sedi del Centro Studi e della Casa Museo numerosi disegni, dipinti figurativi e astratti che illustrano i suoi diversi periodi pittorici.
In questi stessi luoghi il paesaggio delle Marche si fa protagonista divenendo espressione di un territorio che si radica nel pensiero e nei sentimenti di chi lo rilegge oggi attraverso gli occhi di un artista, schivo e riservato, che ne ha scrutato l'immagine e ne ha fatto una costante della sua ricerca pittorica.


Con queste premesse la Regione Marche non poteva che essere al fianco dell'Amministrazione Comunale di Monte Vidon Corrado e del Centro Studi
''Osvaldo Licini''
che hanno organizzato il prestigioso progetto espositivo e di
quanti, a vario titolo, hanno creduto in esso e si sono prodigati per la sua
realizzazione, garantendo qualificati prestiti di opere provenienti da importanti
collezioni pubbliche e da numerosi collezionisti privati e contribuendo ad
approfondire ulteriormente gli studi sulla sua personalità.
Il corale sforzo di istituzioni, studiosi e comunità è garanzia di qualità e di rigore
scientifico, elementi tutti che inducono a credere nel sicuro successo di questo
progetto e di questo evento espositivo.
Osvaldo Licini è stato uno tra i più raffinati e originali interpreti dell'astrattismo
novecentesco e oggi le sue opere si trovano esposte nelle più importanti gallerie
d'arte moderna e in molte collezioni private italiane ed estere.
Nonostante le sue frequentazioni di respiro internazionale, Licini è rimasto legato
profondamente alla sua terra nativa, tanto da scegliere di ritornare a Monte Vidon
Corrado dove la sua casa, in cui ha dipinto fino alla morte e che ha rappresentato il
suo intimo osservatorio-laboratorio, è divenuta Casa Museo.

Sebbene abbia scelto l'isolamento come dimensione ideale per l'attività creativa,
l'artista ha costantemente mantenuto e coltivato intensi rapporti interpersonali
viaggiando molto per partecipare attivamente alla vita culturale del suo tempo. Le
radici di una cultura locale proiettate, quindi, in una visione di ampio respiro
internazionale lo rendono felice interprete di quel vivace 'spirito caleidoscopico'
delle Marche contemporanee.



Con questo evento espositivo ''La regione delle Madri. I paesaggi di Osvaldo Licini'',
che rappresenta la prima rassegna interamente dedicata al tema del paesaggio
tanto caro all'artista, si intende valorizzare anche il contesto naturale da cui parte
la sua elaborazione creativa.

L'orizzonte collinare, il morbido profilo dei leopardiani Monti Azzurri, lo
sconfinamento verso l'Adriatico, la veduta godibile da Monte Vidon Corrado sono
intrisi del lirismo e della riflessione filosofica liciniani.

Il paesaggio infatti è molto più di un semplice panorama, che implica il solo senso della vista, ma presuppone la percezione di quella veduta e una profonda partecipazione, coinvolgendoci ed emozionandoci.
La mostra, realizzata in collaborazione con il Centro Studi ''Osvaldo Licini'', è anche
una straordinaria occasione di studio e di approfondimento, destinata a migliorare
la comprensione di alcune sue opere pittoriche attraverso letture inedite.
L'evento, oltre a far conoscere opere mai esposte e a valorizzare l'attività di
Osvaldo Licini, costituisce un'opportunità di arricchimento culturale e di diffusione
della storia e dell'arte di un territorio, diventando anche un insostituibile polo di
attrazione turistica per l'intera regione.
Alcuni luoghi conservano lo sguardo di chi, nel tempo, ha saputo coglierne
l'essenza e tradurla in arte, in poesia, in musica. Monte Vidon Corrado e il giro
d'orizzonte tutto intorno, fino ai Sibillini a ovest e verso l'arenile adriatico a est,
queste colline da secoli tatuate dal lavoro agricolo, costellate di case coloniche,
percorse da strade tortuose hanno impressa, indelebile, la cifra della poetica
liciniana.
Il Centro Studi, istituito nel 1988 per promuovere la conoscenza
dell'artista, la Casa Museo, dove è nato, dove ha vissuto e svolto con passione,
con rigore, in solitudine la sua ostinata sperimentazione artistica, il Comune dove è
stato sindaco per due mandati nel secondo dopoguerra e il paesaggio d'intorno,
dal quale ha tratto profondamente e incessantemente ispirazione: tutto, in questo
borgo, parla di Osvaldo Licini.



Se è vero che ovunque si può organizzare una grande mostra sull'artista, ''La
regione delle Madri. I paesaggi di Osvaldo Licini'' costituisce un'occasione unica
perché ricostruisce il percorso creativo del pittore nella sua dimora, avendo come
filo conduttore l'elaborazione interiore del paesaggio visibile attraverso le tante
finestre che si aprono in quelle stanze.

Più di cento opere tra dipinti e disegni provenienti da grandi musei e da raffinate collezioni private ? alcune vere punte di diamante della produzione liciniana, altre poco conosciute o addirittura mai esposte finora ? tornano nel luogo dove sono state ideate, in cui Licini tanto ha meditato, creato, letto, scritto, dipinto.
Una mostra quindi che dalle sale espositive del Centro Studi e della Casa Museo si diffonde nel paesaggio circostante dove l'artista dipingeva en plein air non solo durante la fase figurativa degli anni venti ma anche dopo la svolta astratta e nei decenni del figurativismo fantastico.
LA REGIONE DELLE MADRI. I PAESAGGI DI OSVALDO LICINI
a cura di Daniela Simoni con la collaborazione di Stefano Bracalente, Nunzio Giustozzi, Biancalucia Maglione Mattia Patti, Stefano Papetti, Massimo Raffaeli
Monte Vidon Corrado, Centro Studi Osvaldo Licini e Casa Museo Osvaldo Licini
Fino all' 8 dicembre 2020
In occasione della mostra è pubblicato un catalogo, edito dalla casa editrice
Electa, con contributi di Daniela Simoni, Stefano Bracalente, Mattia Patti, Biancalucia Maglione e Stefano Papetti.
Orari apertura mostra
Agosto Tutti i giorni: dalle 10.00 alle 13.00 - dalle16.00 alle 20.00 - lunedì chiuso
Ogni venerdì e sabato aperture serali dalle 21.00 alle 24.00
Settembre - Ottobre - Novembre - Dicembre
La mattina, dalle 9.00 alle 13.00 visite per scuole e gruppi previa prenotazione
Prefestivi e festivi dalle 10.00 alle 13.00 e alle 15.30 alle 19.30
Per informazioni email: centrostudiosvaldolicini@gmail.com
www.centrostudiosvaldolicini.it

Franca D.Scotti

Agosto 2020

CHIUDI ...

CHIUDI ...

''LA REGIONE DELLE MADRI. I PAESAGGI DI OSVALDO LICINI''




A Monte Vidon Corrado, nella Casa Museo e Centro Studi Osvaldo Licini la bella mostra fino all'8 dicembre



La mostra ''La regione delle Madri. I paesaggi di Osvaldo Licini'' rappresenta una
straordinaria occasione per riflettere sull'opera del grande artista marchigiano,
proponendo all'attenzione del pubblico una inedita immagine del suo percorso
poetico: il profondo e indiscusso legame con il paesaggio.


Un paesaggio che è inteso come universo di suggestioni ed emozioni, capace di coinvolgere e di essere oggetto di interpretazione, ma soprattutto di essere vissuto come forza evocativa e primaria fonte di ispirazione per chi, come Licini, ha scelto il silenzio delle valli e dei borghi marchigiani come condizione ideale per vivere e dare espressione al proprio mondo interiore.



L'evento espositivo intende tracciare un viaggio nel tempo e dentro l'anima
dell'artista, attraverso un percorso sentimentale che, indagando nelle profondità
del suo mondo, sviluppa un itinerario figurativo che va dagli anni venti agli anni
cinquanta del secolo scorso, esponendo opere già note al pubblico insieme ad altre
inedite e proponendo una rilettura delle fonti letterarie e documentarie,
insostituibili strumenti per dare voce a suggestioni e memorie.

Monte Vidon Corrado rende omaggio a Licini esponendo nelle due diverse sedi del Centro Studi e della Casa Museo numerosi disegni, dipinti figurativi e astratti che illustrano i suoi diversi periodi pittorici.
In questi stessi luoghi il paesaggio delle Marche si fa protagonista divenendo espressione di un territorio che si radica nel pensiero e nei sentimenti di chi lo rilegge oggi attraverso gli occhi di un artista, schivo e riservato, che ne ha scrutato l'immagine e ne ha fatto una costante della sua ricerca pittorica.


Con queste premesse la Regione Marche non poteva che essere al fianco dell'Amministrazione Comunale di Monte Vidon Corrado e del Centro Studi
''Osvaldo Licini''
che hanno organizzato il prestigioso progetto espositivo e di
quanti, a vario titolo, hanno creduto in esso e si sono prodigati per la sua
realizzazione, garantendo qualificati prestiti di opere provenienti da importanti
collezioni pubbliche e da numerosi collezionisti privati e contribuendo ad
approfondire ulteriormente gli studi sulla sua personalità.
Il corale sforzo di istituzioni, studiosi e comunità è garanzia di qualità e di rigore
scientifico, elementi tutti che inducono a credere nel sicuro successo di questo
progetto e di questo evento espositivo.
Osvaldo Licini è stato uno tra i più raffinati e originali interpreti dell'astrattismo
novecentesco e oggi le sue opere si trovano esposte nelle più importanti gallerie
d'arte moderna e in molte collezioni private italiane ed estere.
Nonostante le sue frequentazioni di respiro internazionale, Licini è rimasto legato
profondamente alla sua terra nativa, tanto da scegliere di ritornare a Monte Vidon
Corrado dove la sua casa, in cui ha dipinto fino alla morte e che ha rappresentato il
suo intimo osservatorio-laboratorio, è divenuta Casa Museo.

Sebbene abbia scelto l'isolamento come dimensione ideale per l'attività creativa,
l'artista ha costantemente mantenuto e coltivato intensi rapporti interpersonali
viaggiando molto per partecipare attivamente alla vita culturale del suo tempo. Le
radici di una cultura locale proiettate, quindi, in una visione di ampio respiro
internazionale lo rendono felice interprete di quel vivace 'spirito caleidoscopico'
delle Marche contemporanee.



Con questo evento espositivo ''La regione delle Madri. I paesaggi di Osvaldo Licini'',
che rappresenta la prima rassegna interamente dedicata al tema del paesaggio
tanto caro all'artista, si intende valorizzare anche il contesto naturale da cui parte
la sua elaborazione creativa.

L'orizzonte collinare, il morbido profilo dei leopardiani Monti Azzurri, lo
sconfinamento verso l'Adriatico, la veduta godibile da Monte Vidon Corrado sono
intrisi del lirismo e della riflessione filosofica liciniani.

Il paesaggio infatti è molto più di un semplice panorama, che implica il solo senso della vista, ma presuppone la percezione di quella veduta e una profonda partecipazione, coinvolgendoci ed emozionandoci.
La mostra, realizzata in collaborazione con il Centro Studi ''Osvaldo Licini'', è anche
una straordinaria occasione di studio e di approfondimento, destinata a migliorare
la comprensione di alcune sue opere pittoriche attraverso letture inedite.
L'evento, oltre a far conoscere opere mai esposte e a valorizzare l'attività di
Osvaldo Licini, costituisce un'opportunità di arricchimento culturale e di diffusione
della storia e dell'arte di un territorio, diventando anche un insostituibile polo di
attrazione turistica per l'intera regione.
Alcuni luoghi conservano lo sguardo di chi, nel tempo, ha saputo coglierne
l'essenza e tradurla in arte, in poesia, in musica. Monte Vidon Corrado e il giro
d'orizzonte tutto intorno, fino ai Sibillini a ovest e verso l'arenile adriatico a est,
queste colline da secoli tatuate dal lavoro agricolo, costellate di case coloniche,
percorse da strade tortuose hanno impressa, indelebile, la cifra della poetica
liciniana.
Il Centro Studi, istituito nel 1988 per promuovere la conoscenza
dell'artista, la Casa Museo, dove è nato, dove ha vissuto e svolto con passione,
con rigore, in solitudine la sua ostinata sperimentazione artistica, il Comune dove è
stato sindaco per due mandati nel secondo dopoguerra e il paesaggio d'intorno,
dal quale ha tratto profondamente e incessantemente ispirazione: tutto, in questo
borgo, parla di Osvaldo Licini.



Se è vero che ovunque si può organizzare una grande mostra sull'artista, ''La
regione delle Madri. I paesaggi di Osvaldo Licini'' costituisce un'occasione unica
perché ricostruisce il percorso creativo del pittore nella sua dimora, avendo come
filo conduttore l'elaborazione interiore del paesaggio visibile attraverso le tante
finestre che si aprono in quelle stanze.

Più di cento opere tra dipinti e disegni provenienti da grandi musei e da raffinate collezioni private ? alcune vere punte di diamante della produzione liciniana, altre poco conosciute o addirittura mai esposte finora ? tornano nel luogo dove sono state ideate, in cui Licini tanto ha meditato, creato, letto, scritto, dipinto.
Una mostra quindi che dalle sale espositive del Centro Studi e della Casa Museo si diffonde nel paesaggio circostante dove l'artista dipingeva en plein air non solo durante la fase figurativa degli anni venti ma anche dopo la svolta astratta e nei decenni del figurativismo fantastico.
LA REGIONE DELLE MADRI. I PAESAGGI DI OSVALDO LICINI
a cura di Daniela Simoni con la collaborazione di Stefano Bracalente, Nunzio Giustozzi, Biancalucia Maglione Mattia Patti, Stefano Papetti, Massimo Raffaeli
Monte Vidon Corrado, Centro Studi Osvaldo Licini e Casa Museo Osvaldo Licini
Fino all' 8 dicembre 2020
In occasione della mostra è pubblicato un catalogo, edito dalla casa editrice
Electa, con contributi di Daniela Simoni, Stefano Bracalente, Mattia Patti, Biancalucia Maglione e Stefano Papetti.
Orari apertura mostra
Agosto Tutti i giorni: dalle 10.00 alle 13.00 - dalle16.00 alle 20.00 - lunedì chiuso
Ogni venerdì e sabato aperture serali dalle 21.00 alle 24.00
Settembre - Ottobre - Novembre - Dicembre
La mattina, dalle 9.00 alle 13.00 visite per scuole e gruppi previa prenotazione
Prefestivi e festivi dalle 10.00 alle 13.00 e alle 15.30 alle 19.30
Per informazioni email: centrostudiosvaldolicini@gmail.com
www.centrostudiosvaldolicini.it

Franca D.Scotti

Agosto 2020

CHIUDI ...

CHIUDI ...

''LA REGIONE DELLE MADRI. I PAESAGGI DI OSVALDO LICINI''




A Monte Vidon Corrado, nella Casa Museo e Centro Studi Osvaldo Licini la bella mostra fino all'8 dicembre



La mostra ''La regione delle Madri. I paesaggi di Osvaldo Licini'' rappresenta una
straordinaria occasione per riflettere sull'opera del grande artista marchigiano,
proponendo all'attenzione del pubblico una inedita immagine del suo percorso
poetico: il profondo e indiscusso legame con il paesaggio.


Un paesaggio che è inteso come universo di suggestioni ed emozioni, capace di coinvolgere e di essere oggetto di interpretazione, ma soprattutto di essere vissuto come forza evocativa e primaria fonte di ispirazione per chi, come Licini, ha scelto il silenzio delle valli e dei borghi marchigiani come condizione ideale per vivere e dare espressione al proprio mondo interiore.



L'evento espositivo intende tracciare un viaggio nel tempo e dentro l'anima
dell'artista, attraverso un percorso sentimentale che, indagando nelle profondità
del suo mondo, sviluppa un itinerario figurativo che va dagli anni venti agli anni
cinquanta del secolo scorso, esponendo opere già note al pubblico insieme ad altre
inedite e proponendo una rilettura delle fonti letterarie e documentarie,
insostituibili strumenti per dare voce a suggestioni e memorie.

Monte Vidon Corrado rende omaggio a Licini esponendo nelle due diverse sedi del Centro Studi e della Casa Museo numerosi disegni, dipinti figurativi e astratti che illustrano i suoi diversi periodi pittorici.
In questi stessi luoghi il paesaggio delle Marche si fa protagonista divenendo espressione di un territorio che si radica nel pensiero e nei sentimenti di chi lo rilegge oggi attraverso gli occhi di un artista, schivo e riservato, che ne ha scrutato l'immagine e ne ha fatto una costante della sua ricerca pittorica.


Con queste premesse la Regione Marche non poteva che essere al fianco dell'Amministrazione Comunale di Monte Vidon Corrado e del Centro Studi
''Osvaldo Licini''
che hanno organizzato il prestigioso progetto espositivo e di
quanti, a vario titolo, hanno creduto in esso e si sono prodigati per la sua
realizzazione, garantendo qualificati prestiti di opere provenienti da importanti
collezioni pubbliche e da numerosi collezionisti privati e contribuendo ad
approfondire ulteriormente gli studi sulla sua personalità.
Il corale sforzo di istituzioni, studiosi e comunità è garanzia di qualità e di rigore
scientifico, elementi tutti che inducono a credere nel sicuro successo di questo
progetto e di questo evento espositivo.
Osvaldo Licini è stato uno tra i più raffinati e originali interpreti dell'astrattismo
novecentesco e oggi le sue opere si trovano esposte nelle più importanti gallerie
d'arte moderna e in molte collezioni private italiane ed estere.
Nonostante le sue frequentazioni di respiro internazionale, Licini è rimasto legato
profondamente alla sua terra nativa, tanto da scegliere di ritornare a Monte Vidon
Corrado dove la sua casa, in cui ha dipinto fino alla morte e che ha rappresentato il
suo intimo osservatorio-laboratorio, è divenuta Casa Museo.

Sebbene abbia scelto l'isolamento come dimensione ideale per l'attività creativa,
l'artista ha costantemente mantenuto e coltivato intensi rapporti interpersonali
viaggiando molto per partecipare attivamente alla vita culturale del suo tempo. Le
radici di una cultura locale proiettate, quindi, in una visione di ampio respiro
internazionale lo rendono felice interprete di quel vivace 'spirito caleidoscopico'
delle Marche contemporanee.



Con questo evento espositivo ''La regione delle Madri. I paesaggi di Osvaldo Licini'',
che rappresenta la prima rassegna interamente dedicata al tema del paesaggio
tanto caro all'artista, si intende valorizzare anche il contesto naturale da cui parte
la sua elaborazione creativa.

L'orizzonte collinare, il morbido profilo dei leopardiani Monti Azzurri, lo
sconfinamento verso l'Adriatico, la veduta godibile da Monte Vidon Corrado sono
intrisi del lirismo e della riflessione filosofica liciniani.

Il paesaggio infatti è molto più di un semplice panorama, che implica il solo senso della vista, ma presuppone la percezione di quella veduta e una profonda partecipazione, coinvolgendoci ed emozionandoci.
La mostra, realizzata in collaborazione con il Centro Studi ''Osvaldo Licini'', è anche
una straordinaria occasione di studio e di approfondimento, destinata a migliorare
la comprensione di alcune sue opere pittoriche attraverso letture inedite.
L'evento, oltre a far conoscere opere mai esposte e a valorizzare l'attività di
Osvaldo Licini, costituisce un'opportunità di arricchimento culturale e di diffusione
della storia e dell'arte di un territorio, diventando anche un insostituibile polo di
attrazione turistica per l'intera regione.
Alcuni luoghi conservano lo sguardo di chi, nel tempo, ha saputo coglierne
l'essenza e tradurla in arte, in poesia, in musica. Monte Vidon Corrado e il giro
d'orizzonte tutto intorno, fino ai Sibillini a ovest e verso l'arenile adriatico a est,
queste colline da secoli tatuate dal lavoro agricolo, costellate di case coloniche,
percorse da strade tortuose hanno impressa, indelebile, la cifra della poetica
liciniana.
Il Centro Studi, istituito nel 1988 per promuovere la conoscenza
dell'artista, la Casa Museo, dove è nato, dove ha vissuto e svolto con passione,
con rigore, in solitudine la sua ostinata sperimentazione artistica, il Comune dove è
stato sindaco per due mandati nel secondo dopoguerra e il paesaggio d'intorno,
dal quale ha tratto profondamente e incessantemente ispirazione: tutto, in questo
borgo, parla di Osvaldo Licini.



Se è vero che ovunque si può organizzare una grande mostra sull'artista, ''La
regione delle Madri. I paesaggi di Osvaldo Licini'' costituisce un'occasione unica
perché ricostruisce il percorso creativo del pittore nella sua dimora, avendo come
filo conduttore l'elaborazione interiore del paesaggio visibile attraverso le tante
finestre che si aprono in quelle stanze.

Più di cento opere tra dipinti e disegni provenienti da grandi musei e da raffinate collezioni private ? alcune vere punte di diamante della produzione liciniana, altre poco conosciute o addirittura mai esposte finora ? tornano nel luogo dove sono state ideate, in cui Licini tanto ha meditato, creato, letto, scritto, dipinto.
Una mostra quindi che dalle sale espositive del Centro Studi e della Casa Museo si diffonde nel paesaggio circostante dove l'artista dipingeva en plein air non solo durante la fase figurativa degli anni venti ma anche dopo la svolta astratta e nei decenni del figurativismo fantastico.
LA REGIONE DELLE MADRI. I PAESAGGI DI OSVALDO LICINI
a cura di Daniela Simoni con la collaborazione di Stefano Bracalente, Nunzio Giustozzi, Biancalucia Maglione Mattia Patti, Stefano Papetti, Massimo Raffaeli
Monte Vidon Corrado, Centro Studi Osvaldo Licini e Casa Museo Osvaldo Licini
Fino all' 8 dicembre 2020
In occasione della mostra è pubblicato un catalogo, edito dalla casa editrice
Electa, con contributi di Daniela Simoni, Stefano Bracalente, Mattia Patti, Biancalucia Maglione e Stefano Papetti.
Orari apertura mostra
Agosto Tutti i giorni: dalle 10.00 alle 13.00 - dalle16.00 alle 20.00 - lunedì chiuso
Ogni venerdì e sabato aperture serali dalle 21.00 alle 24.00
Settembre - Ottobre - Novembre - Dicembre
La mattina, dalle 9.00 alle 13.00 visite per scuole e gruppi previa prenotazione
Prefestivi e festivi dalle 10.00 alle 13.00 e alle 15.30 alle 19.30
Per informazioni email: centrostudiosvaldolicini@gmail.com
www.centrostudiosvaldolicini.it

Franca D.Scotti

Agosto 2020

CHIUDI ...


ARRIVA IN ESCLUSIVA AL CINEMA ''UNA NOTTE AL LOUVRE. LEONARDO DA VINCI''




La mostra che ha raccolto oltre 1 milione di visitatori, segnando il record assoluto del Museo del Louvre: sugli schermi solo il 21, 22, 23 settembre 2020

... CONTINUA

L'ATTESO CRESCENDO #MAKEMUSICNOTWAR, UN FILM DI DROR ZAHAVI




Crescendo di DROR ZAHAVI celebra la potenza della musica, la volontà di superare dissidi e odi in nome della gioventù e dell'arte.

... CONTINUA

AL RIENTRO DALLE VACANZE, NUOVI PROFUMI IN ARRIVO




Con l'autunno alle porte, una ventata di nuovi profumi

... CONTINUA

MEMO PARIS, NUOVE FRAGRANZE CHE EVOCANO VIAGGI INFINITI




John e Clara Molloy, fondatori della maison Memo Paris, lanciano Floraiku e Hermetica, due nuove linee di prodotto per le loro fragranze

... CONTINUA

JEAN PAUL GAULTIER, NUOVA EDIZIONE PER LE MALE LE PARFUM




La fragranza maschile della Maison nelle profumerie in una veste "total black"

... CONTINUA

PENHALIGON'S, UN AUTUNNO DAL PROFUMO "BRITISH"




L'obbligo di indossare la mascherina nelle occasioni sociali rovina ogni scelta di look, ma basta una goccia dei profumi Penhaligon's per salvare il proprio stile

... CONTINUA

RAYSISTANT, AUSTRALIAN GOLD ENTRA NEL MONDO DEL MAKEUP




Australian Gold lancia la sua linea makeup water resistant, arricchita con fattori di protezione

... CONTINUA

DIOR, FINE ESTATE CON UN MAKEUP "SPORTIVO"




Il direttore creativo e dell'immagine del makeup Dior Peter Philips firma una collezione dedicata al mondo dello sport

... CONTINUA

GARDENIA & OUD, IL PROFUMO SULLE ORME DI LAWRENCE D'ARABIA




Gardenia & Oud, ecco la fragranza di Jo Malone London che ripercorre le orme del famoso agente segreto al servizio di Sua Maestá

... CONTINUA

GABRIELLE CHANEL AND DANCE: CHAPTER 29


Inside CHANEL: il nuovo capitolo della vita di Coco Chanel è dedicato alla danza
... CONTINUA

COVID19, IL DESIGNER MARCO CASTELLI AIUTA IL CENTRAFRICA




Il modello e designer italiano lancia la campagna "Rinascita" in sostegno dell'associazione "Amici per il Centrafrica Carla Maria Pagani"

... CONTINUA

ESTATE 2020 ALLA TENUTA DE L'ANNUNZIATA SUL LAGO DI COMO




Natura, benessere e gusto alla Tenuta de l'Annunziata, con il suo Bosco Bioenergetico, il ristorante Quercus e la SPA

... CONTINUA

''LA REGIONE DELLE MADRI. I PAESAGGI DI OSVALDO LICINI''




A Monte Vidon Corrado, nella Casa Museo e Centro Studi Osvaldo Licini la bella mostra fino all'8 dicembre

... CONTINUA

TORNA IL VINO DAY DI EATALY IN VESTE ESTIVA E DIGITALE




Anche in vacanza, momento ideale per godersi appieno le bellezze delle cantine,
arriva, venerdì 7 agosto, Vino Day: per permettere agli appassionati di fare scorta di bottiglie di qualità per tutta l'estate*

... CONTINUA

DIOR, IL PROFUMO J'ADORE RINNOVA IL MITO IN NUOVI GESTI




Hanno debuttato per la iconica fragranza della Maison francese le versioni Roller-Pearl e Parfum Pour Les Cheveux

... CONTINUA

ARRIVA IN ESCLUSIVA AL CINEMA ''UNA NOTTE AL LOUVRE. LEONARDO DA VINCI''




La mostra che ha raccolto oltre 1 milione di visitatori, segnando il record assoluto del Museo del Louvre: sugli schermi solo il 21, 22, 23 settembre 2020

... CONTINUA

L'ATTESO CRESCENDO #MAKEMUSICNOTWAR, UN FILM DI DROR ZAHAVI




Crescendo di DROR ZAHAVI celebra la potenza della musica, la volontà di superare dissidi e odi in nome della gioventù e dell'arte.

... CONTINUA

AL RIENTRO DALLE VACANZE, NUOVI PROFUMI IN ARRIVO




Con l'autunno alle porte, una ventata di nuovi profumi

... CONTINUA

MEMO PARIS, NUOVE FRAGRANZE CHE EVOCANO VIAGGI INFINITI




John e Clara Molloy, fondatori della maison Memo Paris, lanciano Floraiku e Hermetica, due nuove linee di prodotto per le loro fragranze

... CONTINUA

JEAN PAUL GAULTIER, NUOVA EDIZIONE PER LE MALE LE PARFUM




La fragranza maschile della Maison nelle profumerie in una veste "total black"

... CONTINUA

PENHALIGON'S, UN AUTUNNO DAL PROFUMO "BRITISH"




L'obbligo di indossare la mascherina nelle occasioni sociali rovina ogni scelta di look, ma basta una goccia dei profumi Penhaligon's per salvare il proprio stile

... CONTINUA

RAYSISTANT, AUSTRALIAN GOLD ENTRA NEL MONDO DEL MAKEUP




Australian Gold lancia la sua linea makeup water resistant, arricchita con fattori di protezione

... CONTINUA

DIOR, FINE ESTATE CON UN MAKEUP "SPORTIVO"




Il direttore creativo e dell'immagine del makeup Dior Peter Philips firma una collezione dedicata al mondo dello sport

... CONTINUA

GARDENIA & OUD, IL PROFUMO SULLE ORME DI LAWRENCE D'ARABIA




Gardenia & Oud, ecco la fragranza di Jo Malone London che ripercorre le orme del famoso agente segreto al servizio di Sua Maestá

... CONTINUA

GABRIELLE CHANEL AND DANCE: CHAPTER 29


Inside CHANEL: il nuovo capitolo della vita di Coco Chanel è dedicato alla danza
... CONTINUA

ARRIVA IN ESCLUSIVA AL CINEMA ''UNA NOTTE AL LOUVRE. LEONARDO DA VINCI''




La mostra che ha raccolto oltre 1 milione di visitatori, segnando il record assoluto del Museo del Louvre: sugli schermi solo il 21, 22, 23 settembre 2020

... CONTINUA

L'ATTESO CRESCENDO #MAKEMUSICNOTWAR, UN FILM DI DROR ZAHAVI




Crescendo di DROR ZAHAVI celebra la potenza della musica, la volontà di superare dissidi e odi in nome della gioventù e dell'arte.

... CONTINUA

AL RIENTRO DALLE VACANZE, NUOVI PROFUMI IN ARRIVO




Con l'autunno alle porte, una ventata di nuovi profumi

... CONTINUA

MEMO PARIS, NUOVE FRAGRANZE CHE EVOCANO VIAGGI INFINITI




John e Clara Molloy, fondatori della maison Memo Paris, lanciano Floraiku e Hermetica, due nuove linee di prodotto per le loro fragranze

... CONTINUA

JEAN PAUL GAULTIER, NUOVA EDIZIONE PER LE MALE LE PARFUM




La fragranza maschile della Maison nelle profumerie in una veste "total black"

... CONTINUA

PENHALIGON'S, UN AUTUNNO DAL PROFUMO "BRITISH"




L'obbligo di indossare la mascherina nelle occasioni sociali rovina ogni scelta di look, ma basta una goccia dei profumi Penhaligon's per salvare il proprio stile

... CONTINUA

RAYSISTANT, AUSTRALIAN GOLD ENTRA NEL MONDO DEL MAKEUP




Australian Gold lancia la sua linea makeup water resistant, arricchita con fattori di protezione

... CONTINUA

DIOR, FINE ESTATE CON UN MAKEUP "SPORTIVO"




Il direttore creativo e dell'immagine del makeup Dior Peter Philips firma una collezione dedicata al mondo dello sport

... CONTINUA

GARDENIA & OUD, IL PROFUMO SULLE ORME DI LAWRENCE D'ARABIA




Gardenia & Oud, ecco la fragranza di Jo Malone London che ripercorre le orme del famoso agente segreto al servizio di Sua Maestá

... CONTINUA

GABRIELLE CHANEL AND DANCE: CHAPTER 29


Inside CHANEL: il nuovo capitolo della vita di Coco Chanel è dedicato alla danza
... CONTINUA

COVID19, IL DESIGNER MARCO CASTELLI AIUTA IL CENTRAFRICA




Il modello e designer italiano lancia la campagna "Rinascita" in sostegno dell'associazione "Amici per il Centrafrica Carla Maria Pagani"

... CONTINUA

ESTATE 2020 ALLA TENUTA DE L'ANNUNZIATA SUL LAGO DI COMO




Natura, benessere e gusto alla Tenuta de l'Annunziata, con il suo Bosco Bioenergetico, il ristorante Quercus e la SPA

... CONTINUA

''LA REGIONE DELLE MADRI. I PAESAGGI DI OSVALDO LICINI''




A Monte Vidon Corrado, nella Casa Museo e Centro Studi Osvaldo Licini la bella mostra fino all'8 dicembre

... CONTINUA

TORNA IL VINO DAY DI EATALY IN VESTE ESTIVA E DIGITALE




Anche in vacanza, momento ideale per godersi appieno le bellezze delle cantine,
arriva, venerdì 7 agosto, Vino Day: per permettere agli appassionati di fare scorta di bottiglie di qualità per tutta l'estate*

... CONTINUA

DIOR, IL PROFUMO J'ADORE RINNOVA IL MITO IN NUOVI GESTI




Hanno debuttato per la iconica fragranza della Maison francese le versioni Roller-Pearl e Parfum Pour Les Cheveux

... CONTINUA

HOME: NEWS - ARCHIVIO: 78 - 77 - 76 - 75 - 74 - 73 - 72 - 71 - 70 - 69 - 68 - 67 - 66 - 65 - 64 - 63 - 62 - 61 - 60 - 59 - 58 - 57 - 56 - 55 - 54 - 53 - 52 - 51 - 50 - 49 - 48 - 47 - 46 - 45 - 44 - 43 - 42 - 41 - 40 - 39 - 38 - 37 - 36 - 35 - 34 - 33 - 32 - 31 - 30 - 29 - 28 - 27 - 26 - 25 - 24 - 23 - 22 - 21 - 20 - 19 - 18 - 17 - 16 - 15 - 14 - 13 - 12 - 11 - 10 - 9 - 8 - 7 - 6 - 5 - 4 - 3 - 2 - 1 -


  PRIVACY AND COOKIES
Powered by MMS © EUROTEAM 2015