HOME

FASHION

BEAUTY

TRAVEL

DESIGN

FOOD

NEWS

ARCHIVE

CHI SIAMO


HOME

FASHION

BEAUTY

TRAVEL

DESIGN

FOOD

ARCHIVE

CHI SIAMO


A new online Magazine of the most famous International Brands and Italian-Lifestyle Testimonials




HOME

CHIUDI ...

Cremona: Anno delle celebrazioni monteverdiane





Inaugurata la mostra ''Monteverdi e Caravaggio. Sonar stromenti e figurar la musica''
Il Monteverdi Festival apre con Orfeo al Teatro Ponchielli il 5 e 6 maggio
Il 2 e 3 giugno crociera musicale sul Po tra Cremona, Mantova e Venezia

Franca D.Scotti




Un anno speciale il 2017 per Cremona, ricorrono infatti i 450 anni della nascita di Claudio Monteverdi, il compositore cinquecentesco che nella città lombarda ebbe i natali.
Per festeggiare la ricorrenza, Cremona ha organizzato numerose celebrazioni musicali e artistiche.
Un flusso di proposte che vedrà nuove produzioni, concerti unici, mostre e la crociera musicale lungo le terre amate da Monteverdi: Cremona, Mantova, Venezia.


Il tutto organizzato dal Comitato promotore, nato nel 2015 e composto dal Comune di Cremona, dalla Fondazione Teatro Amilcare Ponchielli, dalla Fondazione Museo del Violino, dal Dipartimento di musicologia e beni culturali dell'Università degli Studi di Pavia, dall'Istituto Superiore di Studi Musicali Claudio Monteverdi, dalla Fondazione Stauffer e dall'Archivio di Stato.
Fanno parte inoltre del Comitato il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Regione Lombardia e il Comune di Mantova. Ne è scaturito un ricco programma di eventi che abbraccia numerosi filoni, ognuno dei quali ha il proprio punto di riferimento nelle istituzioni che partecipano al Comitato. L'intera città sarà coinvolta: musica negli spazi pubblici, nei palazzi storici anche privati, nelle chiese barocche, giardini e cortili ''nascosti'', musica per tutti e in ogni luogo.

Il 2017 vedrà il Festival Monteverdi al suo massimo: il 5 maggio inaugura con l'Orfeo dell'Accademia Bizantina poi, per dare solo un assaggio, si prosegue il 20 dello stesso mese con Jordi Savall che si esibirà in un concerto intitolato Istanbul, il 27 uno spettacolo unico nel suo genere, le marionette della Compagnia Carlo Colla accompagnate dalla musica de Il ballo delle ingrate e Il combattimento di Tancredi e Clorinda e John Gardiner, il 24 giugno, dirigerà il Vespro della Beata Vergine nella cornice unica del Duomo di Cremona.



Un capitolo a parte meritano le mostre, pensate per rendere omaggio a Claudio Monteverdi e anche alla cultura musicale e figurativa di quel periodo.

La prima mostra é ''Monteverdi e Caravaggio, sonar stromenti e figurar la musica'' ospitata al Museo del Violino di Cremona, fino al 23 luglio, dove è ricostruita l'orchestra dell'Orfeo attraverso l'esposizione degli strumenti originali dell'epoca, selezionati seguendo le indicazioni annotate nelle prime edizioni a stampa dell'opera, eseguita la prima volta esattamente 410 anni fa.

La partitura prevede infatti un organico ben definito:''duoi gravicembali, duoi contrabassi de viola, dieci viole da brazzo, un'arpa doppia, duoi violini piccoli alla francese, duoi chitaroni, duoi organi di legno, tre bassi da gamba, quattro tromboni, un regale, duoi cornetti, un flautino alla vigesima seconda, un clarino con tre trombe sordine''. L'elenco non solo testimonia le consuetudini musicali dell'epoca, ma anticipa le tendenze del barocco in Italia, con l'affermazione delle viole da braccio su quelle da gamba.

Gli strumenti in mostra sono stati scelti secondi criteri di valore filologico ed estetico e provengono dalle maggiori collezioni italiane e internazionali. Particolare attenzione è stata posta nella ricerca di esemplari conservati o riportati, grazie al restauro, senza gli interventi che, nei secoli successivi, si sono rivelati necessari per affrontare i repertori sette e ottocenteschi.

L'esposizione trova posto all'interno del percorso museale, per sottolineare le affinità che già tra XVI e XVII secolo legano liuteria e musica. Si potrà anche ripercorrere la nascita del violino grazie alla famiglia cremonese Amati e rileggere il contributo della scuola bresciana, testimoniata dall'opera di Gasparo da Salò, la cui viola tenore con montatura barocca arriva con altri preziosi prestiti dall'Ashmolean Museum di Oxford e di Giovanni Paolo Maggini di cui sarà esposto un magnifico contrabbasso del 1610, con altri preziosi strumenti di scuola veneziana, terzo straordinario centro di produzione di strumenti musicali dell'epoca.

L'Orfeo di Monteverdi ha un lieto fine: il suo eroe diventa simbolo dell'amore che supera la morte.
Il ruolo apollineo e salvifico della musica ha ispirato diverse rappresentazioni pittoriche. Tra le più famose è certamente Il Suonatore di Liuto di Caravaggio.

Questa meravigliosa opera, presentata a Cremona come introduzione agli strumenti musicali e proveniente da una collezione privata, ha una storia affascinante: il dipinto realizzato nel 1597 dal grande pittore per il Cardinal del Monte, comprato dal Duca di Beaufort nel 1726-1737, portato a Badminton House nel Gloucestershire, dove è rimasto per due secoli e mezzo, venduto nel 1969 come una copia e infine nuovamente a New York nel 2011. Si tratta di un quadro meno famoso rispetto alla versione conservata all'Hermitage e alla altrettanto celebre versione Wildenstein già esposta al Metropolitan Museum di New York, tuttavia riscoperto e attribuito con certezza a Caravaggio da grandi studiosi come Sir Denis Mahon, Mina Gregori e Claudio Strinati.

Gli strumenti fanno parte della estesa collezione del Cardinale Del Monte e la musica, incipit di quattro madrigali di Jacques Arcadelt, era scritta probabilmente su uno spartito. Caravaggio vede e studia quegli strumenti dal 1595 quando prende servizio presso il Cardinale a Roma e dimostra di possedere una discreta formazione musicale, tanto da rappresentare diversi strumenti e partiture in altre sue importanti opere come i Musici (1595 circa), Riposo durante la fuga in Egitto (1594-1595), Amor vincit omnia (1601-1602).

La mostra è realizzata con il sostegno di Granarolo e Museo del Violino friends.

Dal 20 aprile al 31 dicembre 2017 nella Sacrestia della Chiesa S. Abbondio a Cremona è inoltre allestita la mostra Monteverdi tra Cremona, Mantova e Venezia a cura dell'Archivio di stato di Cremona con la collaborazione dell'Archivio di Stato di Mantova e dell'Archivio Diocesano di Cremona.
Si tratta di una esposizione documentaria dedicata alla figura di Claudio Monteverdi, ricostruita tramite un'ampia scelta di documenti appartenenti all'Archivio di Stato di Cremona per quanto attiene ai primi anni di vita del Maestro e alla sua famiglia e agli Archivi di Stato di Mantova e Venezia per le successive vicende biografiche e artistiche. Sono ripercorse le vicende private di Monteverdi e della sua famiglia dalla nascita nella parrocchia dei SS. Nazario e Celso, fino allo sviluppo della sua carriera prima alla corte dei Gonzaga quindi presso la Repubblica Serenissima.

Nella seconda parte dell'anno le celebrazioni monteverdiane proseguiranno con una mostra alla Pinacoteca, dal 6 ottobre al 6 gennaio 2018, dedicata ad una delle figure di eccellenza del panorama figurativo del barocco nell'Italia settentrionale: Genovesino tra le eleganze del barocco e il naturalismo del Caravaggio.

Sull'onda del successo delle precedenti edizioni, il Monteverdi Festival salpa per una nuova Crociera musicale sul Po il 2 e 3 giugno consolidando il trait d'union tra le tre città monteverdiane ? Cremona, Mantova e Venezia.
Concerti in battello, ma anche nelle città in cui si approda, per rivivere il viaggio del divino Claudio e valorizzare la forte vocazione di turismo culturale del territorio lombardo-veneto. Una vacanza per scoprire il territorio da una prospettiva insolita: un viaggio scandito dal lento scorrere dell'acqua e ritmato dalla musica.


Il Vespro della Beata Vergine con i Monteverdi Choir English Boroque Soloists diretti da Sir John Eliot Gardiner concluderà il festival il 24 giugno nella cornice unica del Duomo di Cremona.
www.monteverdi450.it

Aprile 2017

CHIUDI ...

CHIUDI ...

Cremona: Anno delle celebrazioni monteverdiane





Inaugurata la mostra ''Monteverdi e Caravaggio. Sonar stromenti e figurar la musica''
Il Monteverdi Festival apre con Orfeo al Teatro Ponchielli il 5 e 6 maggio
Il 2 e 3 giugno crociera musicale sul Po tra Cremona, Mantova e Venezia

Franca D.Scotti




Un anno speciale il 2017 per Cremona, ricorrono infatti i 450 anni della nascita di Claudio Monteverdi, il compositore cinquecentesco che nella città lombarda ebbe i natali.
Per festeggiare la ricorrenza, Cremona ha organizzato numerose celebrazioni musicali e artistiche.
Un flusso di proposte che vedrà nuove produzioni, concerti unici, mostre e la crociera musicale lungo le terre amate da Monteverdi: Cremona, Mantova, Venezia.


Il tutto organizzato dal Comitato promotore, nato nel 2015 e composto dal Comune di Cremona, dalla Fondazione Teatro Amilcare Ponchielli, dalla Fondazione Museo del Violino, dal Dipartimento di musicologia e beni culturali dell'Università degli Studi di Pavia, dall'Istituto Superiore di Studi Musicali Claudio Monteverdi, dalla Fondazione Stauffer e dall'Archivio di Stato.
Fanno parte inoltre del Comitato il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Regione Lombardia e il Comune di Mantova. Ne è scaturito un ricco programma di eventi che abbraccia numerosi filoni, ognuno dei quali ha il proprio punto di riferimento nelle istituzioni che partecipano al Comitato. L'intera città sarà coinvolta: musica negli spazi pubblici, nei palazzi storici anche privati, nelle chiese barocche, giardini e cortili ''nascosti'', musica per tutti e in ogni luogo.

Il 2017 vedrà il Festival Monteverdi al suo massimo: il 5 maggio inaugura con l'Orfeo dell'Accademia Bizantina poi, per dare solo un assaggio, si prosegue il 20 dello stesso mese con Jordi Savall che si esibirà in un concerto intitolato Istanbul, il 27 uno spettacolo unico nel suo genere, le marionette della Compagnia Carlo Colla accompagnate dalla musica de Il ballo delle ingrate e Il combattimento di Tancredi e Clorinda e John Gardiner, il 24 giugno, dirigerà il Vespro della Beata Vergine nella cornice unica del Duomo di Cremona.



Un capitolo a parte meritano le mostre, pensate per rendere omaggio a Claudio Monteverdi e anche alla cultura musicale e figurativa di quel periodo.

La prima mostra é ''Monteverdi e Caravaggio, sonar stromenti e figurar la musica'' ospitata al Museo del Violino di Cremona, fino al 23 luglio, dove è ricostruita l'orchestra dell'Orfeo attraverso l'esposizione degli strumenti originali dell'epoca, selezionati seguendo le indicazioni annotate nelle prime edizioni a stampa dell'opera, eseguita la prima volta esattamente 410 anni fa.

La partitura prevede infatti un organico ben definito:''duoi gravicembali, duoi contrabassi de viola, dieci viole da brazzo, un'arpa doppia, duoi violini piccoli alla francese, duoi chitaroni, duoi organi di legno, tre bassi da gamba, quattro tromboni, un regale, duoi cornetti, un flautino alla vigesima seconda, un clarino con tre trombe sordine''. L'elenco non solo testimonia le consuetudini musicali dell'epoca, ma anticipa le tendenze del barocco in Italia, con l'affermazione delle viole da braccio su quelle da gamba.

Gli strumenti in mostra sono stati scelti secondi criteri di valore filologico ed estetico e provengono dalle maggiori collezioni italiane e internazionali. Particolare attenzione è stata posta nella ricerca di esemplari conservati o riportati, grazie al restauro, senza gli interventi che, nei secoli successivi, si sono rivelati necessari per affrontare i repertori sette e ottocenteschi.

L'esposizione trova posto all'interno del percorso museale, per sottolineare le affinità che già tra XVI e XVII secolo legano liuteria e musica. Si potrà anche ripercorrere la nascita del violino grazie alla famiglia cremonese Amati e rileggere il contributo della scuola bresciana, testimoniata dall'opera di Gasparo da Salò, la cui viola tenore con montatura barocca arriva con altri preziosi prestiti dall'Ashmolean Museum di Oxford e di Giovanni Paolo Maggini di cui sarà esposto un magnifico contrabbasso del 1610, con altri preziosi strumenti di scuola veneziana, terzo straordinario centro di produzione di strumenti musicali dell'epoca.

L'Orfeo di Monteverdi ha un lieto fine: il suo eroe diventa simbolo dell'amore che supera la morte.
Il ruolo apollineo e salvifico della musica ha ispirato diverse rappresentazioni pittoriche. Tra le più famose è certamente Il Suonatore di Liuto di Caravaggio.

Questa meravigliosa opera, presentata a Cremona come introduzione agli strumenti musicali e proveniente da una collezione privata, ha una storia affascinante: il dipinto realizzato nel 1597 dal grande pittore per il Cardinal del Monte, comprato dal Duca di Beaufort nel 1726-1737, portato a Badminton House nel Gloucestershire, dove è rimasto per due secoli e mezzo, venduto nel 1969 come una copia e infine nuovamente a New York nel 2011. Si tratta di un quadro meno famoso rispetto alla versione conservata all'Hermitage e alla altrettanto celebre versione Wildenstein già esposta al Metropolitan Museum di New York, tuttavia riscoperto e attribuito con certezza a Caravaggio da grandi studiosi come Sir Denis Mahon, Mina Gregori e Claudio Strinati.

Gli strumenti fanno parte della estesa collezione del Cardinale Del Monte e la musica, incipit di quattro madrigali di Jacques Arcadelt, era scritta probabilmente su uno spartito. Caravaggio vede e studia quegli strumenti dal 1595 quando prende servizio presso il Cardinale a Roma e dimostra di possedere una discreta formazione musicale, tanto da rappresentare diversi strumenti e partiture in altre sue importanti opere come i Musici (1595 circa), Riposo durante la fuga in Egitto (1594-1595), Amor vincit omnia (1601-1602).

La mostra è realizzata con il sostegno di Granarolo e Museo del Violino friends.

Dal 20 aprile al 31 dicembre 2017 nella Sacrestia della Chiesa S. Abbondio a Cremona è inoltre allestita la mostra Monteverdi tra Cremona, Mantova e Venezia a cura dell'Archivio di stato di Cremona con la collaborazione dell'Archivio di Stato di Mantova e dell'Archivio Diocesano di Cremona.
Si tratta di una esposizione documentaria dedicata alla figura di Claudio Monteverdi, ricostruita tramite un'ampia scelta di documenti appartenenti all'Archivio di Stato di Cremona per quanto attiene ai primi anni di vita del Maestro e alla sua famiglia e agli Archivi di Stato di Mantova e Venezia per le successive vicende biografiche e artistiche. Sono ripercorse le vicende private di Monteverdi e della sua famiglia dalla nascita nella parrocchia dei SS. Nazario e Celso, fino allo sviluppo della sua carriera prima alla corte dei Gonzaga quindi presso la Repubblica Serenissima.

Nella seconda parte dell'anno le celebrazioni monteverdiane proseguiranno con una mostra alla Pinacoteca, dal 6 ottobre al 6 gennaio 2018, dedicata ad una delle figure di eccellenza del panorama figurativo del barocco nell'Italia settentrionale: Genovesino tra le eleganze del barocco e il naturalismo del Caravaggio.

Sull'onda del successo delle precedenti edizioni, il Monteverdi Festival salpa per una nuova Crociera musicale sul Po il 2 e 3 giugno consolidando il trait d'union tra le tre città monteverdiane ? Cremona, Mantova e Venezia.
Concerti in battello, ma anche nelle città in cui si approda, per rivivere il viaggio del divino Claudio e valorizzare la forte vocazione di turismo culturale del territorio lombardo-veneto. Una vacanza per scoprire il territorio da una prospettiva insolita: un viaggio scandito dal lento scorrere dell'acqua e ritmato dalla musica.


Il Vespro della Beata Vergine con i Monteverdi Choir English Boroque Soloists diretti da Sir John Eliot Gardiner concluderà il festival il 24 giugno nella cornice unica del Duomo di Cremona.
www.monteverdi450.it

Aprile 2017

CHIUDI ...

CHIUDI ...

Cremona: Anno delle celebrazioni monteverdiane





Inaugurata la mostra ''Monteverdi e Caravaggio. Sonar stromenti e figurar la musica''
Il Monteverdi Festival apre con Orfeo al Teatro Ponchielli il 5 e 6 maggio
Il 2 e 3 giugno crociera musicale sul Po tra Cremona, Mantova e Venezia

Franca D.Scotti




Un anno speciale il 2017 per Cremona, ricorrono infatti i 450 anni della nascita di Claudio Monteverdi, il compositore cinquecentesco che nella città lombarda ebbe i natali.
Per festeggiare la ricorrenza, Cremona ha organizzato numerose celebrazioni musicali e artistiche.
Un flusso di proposte che vedrà nuove produzioni, concerti unici, mostre e la crociera musicale lungo le terre amate da Monteverdi: Cremona, Mantova, Venezia.


Il tutto organizzato dal Comitato promotore, nato nel 2015 e composto dal Comune di Cremona, dalla Fondazione Teatro Amilcare Ponchielli, dalla Fondazione Museo del Violino, dal Dipartimento di musicologia e beni culturali dell'Università degli Studi di Pavia, dall'Istituto Superiore di Studi Musicali Claudio Monteverdi, dalla Fondazione Stauffer e dall'Archivio di Stato.
Fanno parte inoltre del Comitato il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Regione Lombardia e il Comune di Mantova. Ne è scaturito un ricco programma di eventi che abbraccia numerosi filoni, ognuno dei quali ha il proprio punto di riferimento nelle istituzioni che partecipano al Comitato. L'intera città sarà coinvolta: musica negli spazi pubblici, nei palazzi storici anche privati, nelle chiese barocche, giardini e cortili ''nascosti'', musica per tutti e in ogni luogo.

Il 2017 vedrà il Festival Monteverdi al suo massimo: il 5 maggio inaugura con l'Orfeo dell'Accademia Bizantina poi, per dare solo un assaggio, si prosegue il 20 dello stesso mese con Jordi Savall che si esibirà in un concerto intitolato Istanbul, il 27 uno spettacolo unico nel suo genere, le marionette della Compagnia Carlo Colla accompagnate dalla musica de Il ballo delle ingrate e Il combattimento di Tancredi e Clorinda e John Gardiner, il 24 giugno, dirigerà il Vespro della Beata Vergine nella cornice unica del Duomo di Cremona.



Un capitolo a parte meritano le mostre, pensate per rendere omaggio a Claudio Monteverdi e anche alla cultura musicale e figurativa di quel periodo.

La prima mostra é ''Monteverdi e Caravaggio, sonar stromenti e figurar la musica'' ospitata al Museo del Violino di Cremona, fino al 23 luglio, dove è ricostruita l'orchestra dell'Orfeo attraverso l'esposizione degli strumenti originali dell'epoca, selezionati seguendo le indicazioni annotate nelle prime edizioni a stampa dell'opera, eseguita la prima volta esattamente 410 anni fa.

La partitura prevede infatti un organico ben definito:''duoi gravicembali, duoi contrabassi de viola, dieci viole da brazzo, un'arpa doppia, duoi violini piccoli alla francese, duoi chitaroni, duoi organi di legno, tre bassi da gamba, quattro tromboni, un regale, duoi cornetti, un flautino alla vigesima seconda, un clarino con tre trombe sordine''. L'elenco non solo testimonia le consuetudini musicali dell'epoca, ma anticipa le tendenze del barocco in Italia, con l'affermazione delle viole da braccio su quelle da gamba.

Gli strumenti in mostra sono stati scelti secondi criteri di valore filologico ed estetico e provengono dalle maggiori collezioni italiane e internazionali. Particolare attenzione è stata posta nella ricerca di esemplari conservati o riportati, grazie al restauro, senza gli interventi che, nei secoli successivi, si sono rivelati necessari per affrontare i repertori sette e ottocenteschi.

L'esposizione trova posto all'interno del percorso museale, per sottolineare le affinità che già tra XVI e XVII secolo legano liuteria e musica. Si potrà anche ripercorrere la nascita del violino grazie alla famiglia cremonese Amati e rileggere il contributo della scuola bresciana, testimoniata dall'opera di Gasparo da Salò, la cui viola tenore con montatura barocca arriva con altri preziosi prestiti dall'Ashmolean Museum di Oxford e di Giovanni Paolo Maggini di cui sarà esposto un magnifico contrabbasso del 1610, con altri preziosi strumenti di scuola veneziana, terzo straordinario centro di produzione di strumenti musicali dell'epoca.

L'Orfeo di Monteverdi ha un lieto fine: il suo eroe diventa simbolo dell'amore che supera la morte.
Il ruolo apollineo e salvifico della musica ha ispirato diverse rappresentazioni pittoriche. Tra le più famose è certamente Il Suonatore di Liuto di Caravaggio.

Questa meravigliosa opera, presentata a Cremona come introduzione agli strumenti musicali e proveniente da una collezione privata, ha una storia affascinante: il dipinto realizzato nel 1597 dal grande pittore per il Cardinal del Monte, comprato dal Duca di Beaufort nel 1726-1737, portato a Badminton House nel Gloucestershire, dove è rimasto per due secoli e mezzo, venduto nel 1969 come una copia e infine nuovamente a New York nel 2011. Si tratta di un quadro meno famoso rispetto alla versione conservata all'Hermitage e alla altrettanto celebre versione Wildenstein già esposta al Metropolitan Museum di New York, tuttavia riscoperto e attribuito con certezza a Caravaggio da grandi studiosi come Sir Denis Mahon, Mina Gregori e Claudio Strinati.

Gli strumenti fanno parte della estesa collezione del Cardinale Del Monte e la musica, incipit di quattro madrigali di Jacques Arcadelt, era scritta probabilmente su uno spartito. Caravaggio vede e studia quegli strumenti dal 1595 quando prende servizio presso il Cardinale a Roma e dimostra di possedere una discreta formazione musicale, tanto da rappresentare diversi strumenti e partiture in altre sue importanti opere come i Musici (1595 circa), Riposo durante la fuga in Egitto (1594-1595), Amor vincit omnia (1601-1602).

La mostra è realizzata con il sostegno di Granarolo e Museo del Violino friends.

Dal 20 aprile al 31 dicembre 2017 nella Sacrestia della Chiesa S. Abbondio a Cremona è inoltre allestita la mostra Monteverdi tra Cremona, Mantova e Venezia a cura dell'Archivio di stato di Cremona con la collaborazione dell'Archivio di Stato di Mantova e dell'Archivio Diocesano di Cremona.
Si tratta di una esposizione documentaria dedicata alla figura di Claudio Monteverdi, ricostruita tramite un'ampia scelta di documenti appartenenti all'Archivio di Stato di Cremona per quanto attiene ai primi anni di vita del Maestro e alla sua famiglia e agli Archivi di Stato di Mantova e Venezia per le successive vicende biografiche e artistiche. Sono ripercorse le vicende private di Monteverdi e della sua famiglia dalla nascita nella parrocchia dei SS. Nazario e Celso, fino allo sviluppo della sua carriera prima alla corte dei Gonzaga quindi presso la Repubblica Serenissima.

Nella seconda parte dell'anno le celebrazioni monteverdiane proseguiranno con una mostra alla Pinacoteca, dal 6 ottobre al 6 gennaio 2018, dedicata ad una delle figure di eccellenza del panorama figurativo del barocco nell'Italia settentrionale: Genovesino tra le eleganze del barocco e il naturalismo del Caravaggio.

Sull'onda del successo delle precedenti edizioni, il Monteverdi Festival salpa per una nuova Crociera musicale sul Po il 2 e 3 giugno consolidando il trait d'union tra le tre città monteverdiane ? Cremona, Mantova e Venezia.
Concerti in battello, ma anche nelle città in cui si approda, per rivivere il viaggio del divino Claudio e valorizzare la forte vocazione di turismo culturale del territorio lombardo-veneto. Una vacanza per scoprire il territorio da una prospettiva insolita: un viaggio scandito dal lento scorrere dell'acqua e ritmato dalla musica.


Il Vespro della Beata Vergine con i Monteverdi Choir English Boroque Soloists diretti da Sir John Eliot Gardiner concluderà il festival il 24 giugno nella cornice unica del Duomo di Cremona.
www.monteverdi450.it

Aprile 2017

CHIUDI ...


L'Arco di Palmira trionfa ad Arona





La cerimonia di inaugurazione sarà molto suggestiva e prevede un'introduzione da parte della nuova filarmonica aronese

Franca D.Scotti


... CONTINUA

Viva Vivaldi a Venezia




Dal 13 maggio 2017 al Museo Diocesano di Venezia per la prima volta la musica si vede e si respira
Un nuovo format artistico spettacolare per narrare l'autore delle Quattro Stagioni

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Cremona: Anno delle celebrazioni monteverdiane





Inaugurata la mostra ''Monteverdi e Caravaggio. Sonar stromenti e figurar la musica''
Il Monteverdi Festival apre con Orfeo al Teatro Ponchielli il 5 e 6 maggio
Il 2 e 3 giugno crociera musicale sul Po tra Cremona, Mantova e Venezia

Franca D.Scotti


... CONTINUA

Guggenheim Abu Dhabi: The Creative Act, Performance, Processo, Presenza





Abu Dhabi Tourism & Culture Authority celebra l'apertura di The Creative Act: Performance, Processo, Presenza
Seconda mostra della collezione del Guggenheim Abu Dhabi

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Apre il ristorante Gourmet Royal: confermato alla guida Maurizio Lazzarin




Una nuova stagione con tante novità dello sperimentatore di soluzioni enogastronomiche alternative alla più tradizionale cucina del Lario
.
Franca D.Scotti

... CONTINUA

Viaggi del gusto: il cibo come motivazione essenziale





Roberta Garibaldi, Ambasciatore per l'Italia del World Food Travel Association illustra per Citterio le nuove tendenze sul fenomeno del food travel


Franca D.Scotti

... CONTINUA

SUNSILK: i tuoi capelli, i tuoi alleati


CAPELLI LISCI D'ESTATE? NO PANIC! SUNSILK CO-CREATIONS LISCIO PERFETTO, PER RAGGIUNGERE QUALSIASI DESTINAZIONE CON CAPELLI PERFETTAMENTE LISCI E SETOSI ... CONTINUA

CARMELA BOCCOMINO nuova PR dei brand SVR e FILORGA


Siamo lieti di annunciare che Carmela Boccomino, già Pr Manager di Elizabeth Arden Italy e Global Pr & Events Manager di La Perla, si occuperà dell'ufficio stampa di Filorga e SVR. ... CONTINUA

Capelli sani e vibranti al colore? Nuova linea COLOR FULL firmata RAHUA

 
La chioma è la cornice del nostro viso ed è troppo importante per non meritarsi il meglio per renderla morbida e lucente. Per i capelli che hanno subito un trattamento colorante, bisognerà scegliere un prodotto particolarmente indicato per far risaltare le sfumature del colore. ... CONTINUA

Geometrie preziose, luce intensa e design iper-raffinato nelle nuove collezioni di gioielli MORELLATO per la primavera-estate 2017

 
La preziosità delle nuove collezione di gioielli Morellato dedicati all'Estate, risplende nei colori della nuova collezione TESORI, dove l'eleganza e la regalità del blu accendono di colore i pendenti, i girocolli, gli orecchini, i bracciali e gli anelli. Design iper raffinato per creazioni che vivono da sole o da abbinare insieme in occasioni davvero speciali. ... CONTINUA

Courmayeur : Royal Driving Experience




Nella splendida Courmayeur un nuovo modo di concepire il divertimento su 4 ruote: Royal Driving Experience, la pista, l'unica su fondo asfaltato in tutto il Nord Italia, creata dal Grand Hotel Royal e Golf dal 1854 protagonista delle vacanze più esclusive ai piedi del Monte Bianco.

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Milano, Museo del Novecento e Gallerie d'Italia: ''New York New York''





Fino al 17 settembre, al Museo del Novecento, Gallerie d'Italia di Milano: Arte Italiana, La riscoperta dell'America


Franca D.Scotti

... CONTINUA

Carolina Crescentini in RAY-BAN ROUND

 
La nostra brava e bella attrice Carolina Crescentini ha scelto di indossare un modello da vista della RAY-BAN molto aggraziato e che le dona particolarmente: RAY-BAN ROUND. ... CONTINUA

Tecnologie innovative e all'avanguardia di medicina estetica


Il Dottor Mirko Manola, presenta due innovativi trattamenti NON chirurgici, utili per il ringiovanimento del viso e della pelle, senza doversi sottoporre a interventi, ma eseguibili nel suo studio medico.
Ultherapy è un vero e proprio lifting non chirurgico, mentre Change Your Skin è il trattamento che permette un miglioramento cutaneo rendendo la pelle più liscia e compatta eliminando eventuali imperfezioni. ... CONTINUA

Il brand americano SALLY HANSEN propone smalti speciali per avere anche a casa risultati come dall'estetista


Durante gli anni Sally Hansen è diventato il marchio leader nel settore nailcare, incrementando sempre più il suo successo anche oltreoceano. Adesso arriva finalmente in Italia, in modo che anche le consumatrici del nostro paese possano vivere la loro vita a colori, con le unghie curate e colorate! ... CONTINUA

L'Arco di Palmira trionfa ad Arona





La cerimonia di inaugurazione sarà molto suggestiva e prevede un'introduzione da parte della nuova filarmonica aronese

Franca D.Scotti


... CONTINUA

Viva Vivaldi a Venezia




Dal 13 maggio 2017 al Museo Diocesano di Venezia per la prima volta la musica si vede e si respira
Un nuovo format artistico spettacolare per narrare l'autore delle Quattro Stagioni

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Cremona: Anno delle celebrazioni monteverdiane





Inaugurata la mostra ''Monteverdi e Caravaggio. Sonar stromenti e figurar la musica''
Il Monteverdi Festival apre con Orfeo al Teatro Ponchielli il 5 e 6 maggio
Il 2 e 3 giugno crociera musicale sul Po tra Cremona, Mantova e Venezia

Franca D.Scotti


... CONTINUA

Guggenheim Abu Dhabi: The Creative Act, Performance, Processo, Presenza





Abu Dhabi Tourism & Culture Authority celebra l'apertura di The Creative Act: Performance, Processo, Presenza
Seconda mostra della collezione del Guggenheim Abu Dhabi

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Apre il ristorante Gourmet Royal: confermato alla guida Maurizio Lazzarin




Una nuova stagione con tante novità dello sperimentatore di soluzioni enogastronomiche alternative alla più tradizionale cucina del Lario
.
Franca D.Scotti

... CONTINUA

Viaggi del gusto: il cibo come motivazione essenziale





Roberta Garibaldi, Ambasciatore per l'Italia del World Food Travel Association illustra per Citterio le nuove tendenze sul fenomeno del food travel


Franca D.Scotti

... CONTINUA

SUNSILK: i tuoi capelli, i tuoi alleati


CAPELLI LISCI D'ESTATE? NO PANIC! SUNSILK CO-CREATIONS LISCIO PERFETTO, PER RAGGIUNGERE QUALSIASI DESTINAZIONE CON CAPELLI PERFETTAMENTE LISCI E SETOSI ... CONTINUA

CARMELA BOCCOMINO nuova PR dei brand SVR e FILORGA


Siamo lieti di annunciare che Carmela Boccomino, già Pr Manager di Elizabeth Arden Italy e Global Pr & Events Manager di La Perla, si occuperà dell'ufficio stampa di Filorga e SVR. ... CONTINUA

Capelli sani e vibranti al colore? Nuova linea COLOR FULL firmata RAHUA

 
La chioma è la cornice del nostro viso ed è troppo importante per non meritarsi il meglio per renderla morbida e lucente. Per i capelli che hanno subito un trattamento colorante, bisognerà scegliere un prodotto particolarmente indicato per far risaltare le sfumature del colore. ... CONTINUA

Geometrie preziose, luce intensa e design iper-raffinato nelle nuove collezioni di gioielli MORELLATO per la primavera-estate 2017

 
La preziosità delle nuove collezione di gioielli Morellato dedicati all'Estate, risplende nei colori della nuova collezione TESORI, dove l'eleganza e la regalità del blu accendono di colore i pendenti, i girocolli, gli orecchini, i bracciali e gli anelli. Design iper raffinato per creazioni che vivono da sole o da abbinare insieme in occasioni davvero speciali. ... CONTINUA

L'Arco di Palmira trionfa ad Arona





La cerimonia di inaugurazione sarà molto suggestiva e prevede un'introduzione da parte della nuova filarmonica aronese

Franca D.Scotti


... CONTINUA

Viva Vivaldi a Venezia




Dal 13 maggio 2017 al Museo Diocesano di Venezia per la prima volta la musica si vede e si respira
Un nuovo format artistico spettacolare per narrare l'autore delle Quattro Stagioni

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Cremona: Anno delle celebrazioni monteverdiane





Inaugurata la mostra ''Monteverdi e Caravaggio. Sonar stromenti e figurar la musica''
Il Monteverdi Festival apre con Orfeo al Teatro Ponchielli il 5 e 6 maggio
Il 2 e 3 giugno crociera musicale sul Po tra Cremona, Mantova e Venezia

Franca D.Scotti


... CONTINUA

Guggenheim Abu Dhabi: The Creative Act, Performance, Processo, Presenza





Abu Dhabi Tourism & Culture Authority celebra l'apertura di The Creative Act: Performance, Processo, Presenza
Seconda mostra della collezione del Guggenheim Abu Dhabi

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Apre il ristorante Gourmet Royal: confermato alla guida Maurizio Lazzarin




Una nuova stagione con tante novità dello sperimentatore di soluzioni enogastronomiche alternative alla più tradizionale cucina del Lario
.
Franca D.Scotti

... CONTINUA

Viaggi del gusto: il cibo come motivazione essenziale





Roberta Garibaldi, Ambasciatore per l'Italia del World Food Travel Association illustra per Citterio le nuove tendenze sul fenomeno del food travel


Franca D.Scotti

... CONTINUA

SUNSILK: i tuoi capelli, i tuoi alleati


CAPELLI LISCI D'ESTATE? NO PANIC! SUNSILK CO-CREATIONS LISCIO PERFETTO, PER RAGGIUNGERE QUALSIASI DESTINAZIONE CON CAPELLI PERFETTAMENTE LISCI E SETOSI ... CONTINUA

CARMELA BOCCOMINO nuova PR dei brand SVR e FILORGA


Siamo lieti di annunciare che Carmela Boccomino, già Pr Manager di Elizabeth Arden Italy e Global Pr & Events Manager di La Perla, si occuperà dell'ufficio stampa di Filorga e SVR. ... CONTINUA

Capelli sani e vibranti al colore? Nuova linea COLOR FULL firmata RAHUA

 
La chioma è la cornice del nostro viso ed è troppo importante per non meritarsi il meglio per renderla morbida e lucente. Per i capelli che hanno subito un trattamento colorante, bisognerà scegliere un prodotto particolarmente indicato per far risaltare le sfumature del colore. ... CONTINUA

Geometrie preziose, luce intensa e design iper-raffinato nelle nuove collezioni di gioielli MORELLATO per la primavera-estate 2017

 
La preziosità delle nuove collezione di gioielli Morellato dedicati all'Estate, risplende nei colori della nuova collezione TESORI, dove l'eleganza e la regalità del blu accendono di colore i pendenti, i girocolli, gli orecchini, i bracciali e gli anelli. Design iper raffinato per creazioni che vivono da sole o da abbinare insieme in occasioni davvero speciali. ... CONTINUA

Courmayeur : Royal Driving Experience




Nella splendida Courmayeur un nuovo modo di concepire il divertimento su 4 ruote: Royal Driving Experience, la pista, l'unica su fondo asfaltato in tutto il Nord Italia, creata dal Grand Hotel Royal e Golf dal 1854 protagonista delle vacanze più esclusive ai piedi del Monte Bianco.

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Milano, Museo del Novecento e Gallerie d'Italia: ''New York New York''





Fino al 17 settembre, al Museo del Novecento, Gallerie d'Italia di Milano: Arte Italiana, La riscoperta dell'America


Franca D.Scotti

... CONTINUA

Carolina Crescentini in RAY-BAN ROUND

 
La nostra brava e bella attrice Carolina Crescentini ha scelto di indossare un modello da vista della RAY-BAN molto aggraziato e che le dona particolarmente: RAY-BAN ROUND. ... CONTINUA

Tecnologie innovative e all'avanguardia di medicina estetica


Il Dottor Mirko Manola, presenta due innovativi trattamenti NON chirurgici, utili per il ringiovanimento del viso e della pelle, senza doversi sottoporre a interventi, ma eseguibili nel suo studio medico.
Ultherapy è un vero e proprio lifting non chirurgico, mentre Change Your Skin è il trattamento che permette un miglioramento cutaneo rendendo la pelle più liscia e compatta eliminando eventuali imperfezioni. ... CONTINUA

Il brand americano SALLY HANSEN propone smalti speciali per avere anche a casa risultati come dall'estetista


Durante gli anni Sally Hansen è diventato il marchio leader nel settore nailcare, incrementando sempre più il suo successo anche oltreoceano. Adesso arriva finalmente in Italia, in modo che anche le consumatrici del nostro paese possano vivere la loro vita a colori, con le unghie curate e colorate! ... CONTINUA

HOME: NEWS - ARCHIVIO: 78 - 77 - 76 - 75 - 74 - 73 - 72 - 71 - 70 - 69 - 68 - 67 - 66 - 65 - 64 - 63 - 62 - 61 - 60 - 59 - 58 - 57 - 56 - 55 - 54 - 53 - 52 - 51 - 50 - 49 - 48 - 47 - 46 - 45 - 44 - 43 - 42 - 41 - 40 - 39 - 38 - 37 - 36 - 35 - 34 - 33 - 32 - 31 - 30 - 29 - 28 - 27 - 26 - 25 - 24 - 23 - 22 - 21 - 20 - 19 - 18 - 17 - 16 - 15 - 14 - 13 - 12 - 11 - 10 - 9 - 8 - 7 - 6 - 5 - 4 - 3 - 2 - 1 -


  PRIVACY AND COOKIES
Powered by MMS © EUROTEAM 2015