HOME

FASHION

BEAUTY

TRAVEL

DESIGN

FOOD

NEWS

ARCHIVE

CHI SIAMO


HOME

FASHION

BEAUTY

TRAVEL

DESIGN

FOOD

ARCHIVE

CHI SIAMO


A new online Magazine of the most famous International Brands and Italian-Lifestyle Testimonials




HOME

CHIUDI ...

Al MASI di Lugano: Balthasar Burkhard, dal documento alla fotografia monumentale




L'intera carriera di Burkhard, sia nella sua attività di cronista della scena artistica internazionale fra gli anni Sessanta e Settanta, che nelle opere attraverso cui contribuì a rivoluzionare la pratica della fotografia.

Franca D.Scotti



Fino al 30 settembre 2018
Museo d'arte della Svizzera italiana, Lugano
sede LAC Lugano Arte e Cultura
La mostra è organizzata in collaborazione con
Folkwang Museum di Essen, FotoMuseum e Fotostiftung Schweiz di Winterthur
Coordinamento e allestimento a cura di Guido Comis e Diego Stephani

Il Museo d'arte della Svizzera italiana di Lugano dedica una mostra monografica all'opera del fotografo e artista svizzero Balthasar Burkhard (Berna, 1944-2010). L'esposizione, organizzata in collaborazione con il Folkwang Museum di Essen, il FotoMuseum e la Fotostiftung di Winterthur, ripercorre l'intera carriera di Burkhard documentando tanto la sua attività di cronista della scena artistica internazionale fra gli anni Sessanta e Settanta, che le opere attraverso cui contribuì a rivoluzionare la pratica della fotografia.



La mostra Balthasar Burkhard. Dal documento alla fotografia monumentale muove dalle immagini giovanili realizzate durante l'apprendistato nel segno della fotografia di reportage e documentaria degli anni Sessanta e ripercorre poi, attraverso un'ampia selezione di scatti, il suo lavoro di cronista della scena artistica internazionale a fianco del celebre curatore Harald Szeemann.
La memoria delle esposizioni di Szeemann che hanno segnato un'epoca come When Attitudes Become Form alla Kunsthalle di Berna nel 1969 e Documenta 5 del 1972, e delle installazioni e performance che le caratterizzavano, si conserva oggi grazie agli scatti di Burkhard.
Pur lavorando come fotocronista Burkhard aspira a lasciare il segno come artista. Insieme all'amico e collega Markus Raetz realizza le sue prime fotografie riprodotte in grande formato su tela. I soggetti - un letto coperto da un lenzuolo gualcito, un grande foglio di carta sul pavimento, una finestra coperta da una tenda - creano un'interferenza fra l'immagine e la tela di supporto che non viene tesa, ma ricade in morbide pieghe.
Nella scelta insolita della riproduzione in grande formato, così
come nell'approccio concettuale, la fotografia dialoga dunque con le altre forme d'arte dell'epoca.

Fra la metà degli anni Settanta e l'inizio degli anni Ottanta, Burkhard soggiorna negli Stati Uniti. Rientrato in Svizzera nel 1983 viene invitato a esporre alla Kunsthalle Basel e nel 1984, insieme a Niele Toroni, al Musée Rath di Ginevra. Nascono allestimenti in cui il corpo ingigantito fino ad assumere dimensioni monumentali si trasforma in paesaggio o elemento architettonico.



Al MASI sarà possibile ammirare una serie di gambe, originariamente esposte a Basilea, che percorrono come colonne i tre lati di una sala. Verrà inoltre riproposto l'allestimento concepito per il Musée Rath, in cui l'astrazione di Toroni, caratterizzata dalla ripetizione di impronte di pennello, è messa in relazione con
una serie di fotografie di grande formato di Burkhard. La fotografia si emancipa dunque dalla dimensione tradizionale, dal formato maneggevole, per divenire installazione spaziale, quasi a mettere alla prova, come altre forme d'arte in quel periodo, i limiti architettonici degli spazi espositivi tradizionali.
Nel corso della propria carriera Burkhard si dedica a più riprese al ritratto. Se negli anni di lavoro come fotocronista l'obiettivo è rivolto agli artisti impegnati nella creazione delle proprie opere, in seguito predilige i soggetti in posa, sia che si tratti di persone, sia che rivolga l'obiettivo agli animali tema, a metà degli anni Novanta, di una straordinaria serie in cui rivive l'approccio catalogatorio della fotografia ottocentesca.

Fra la metà degli anni Novanta e l'inizio nel nuovo millennio Burkhard si cimenta in fotografie di paesaggi urbani e naturali, riprodotti in grande formato e caratterizzati dal bianco e nero vellutato che è la cifra di gran parte della sua opera. Attraverso le proprie fotografie Burkhard sembra cercare una formula in cui racchiudere tutte le manifestazioni sia umane che naturali: le rocce e le onde assumono connotazioni sensuali, nei deserti si riconoscono regolarità architettoniche; le riprese
aeree di megalopoli - Tokyo, Chicago, Città del Messico - conferiscono alle città l'aspetto di organismi che si estendono a perdita d'occhio. La dimensione delle immagini ne sottolinea il significato emotivo anziché documentario, mentre il bianco e nero dai toni sfumati dona ad esse carattere quasi tattile.


Non siamo dunque di fronte a semplici immagini, ma a una concezione della
fotografia totalmente nuova che trova nei grandi e versatili spazi del MASI il proprio contesto ideale.
www.masilugano.ch

Giugno 2018

CHIUDI ...

CHIUDI ...

Al MASI di Lugano: Balthasar Burkhard, dal documento alla fotografia monumentale




L'intera carriera di Burkhard, sia nella sua attività di cronista della scena artistica internazionale fra gli anni Sessanta e Settanta, che nelle opere attraverso cui contribuì a rivoluzionare la pratica della fotografia.

Franca D.Scotti



Fino al 30 settembre 2018
Museo d'arte della Svizzera italiana, Lugano
sede LAC Lugano Arte e Cultura
La mostra è organizzata in collaborazione con
Folkwang Museum di Essen, FotoMuseum e Fotostiftung Schweiz di Winterthur
Coordinamento e allestimento a cura di Guido Comis e Diego Stephani

Il Museo d'arte della Svizzera italiana di Lugano dedica una mostra monografica all'opera del fotografo e artista svizzero Balthasar Burkhard (Berna, 1944-2010). L'esposizione, organizzata in collaborazione con il Folkwang Museum di Essen, il FotoMuseum e la Fotostiftung di Winterthur, ripercorre l'intera carriera di Burkhard documentando tanto la sua attività di cronista della scena artistica internazionale fra gli anni Sessanta e Settanta, che le opere attraverso cui contribuì a rivoluzionare la pratica della fotografia.



La mostra Balthasar Burkhard. Dal documento alla fotografia monumentale muove dalle immagini giovanili realizzate durante l'apprendistato nel segno della fotografia di reportage e documentaria degli anni Sessanta e ripercorre poi, attraverso un'ampia selezione di scatti, il suo lavoro di cronista della scena artistica internazionale a fianco del celebre curatore Harald Szeemann.
La memoria delle esposizioni di Szeemann che hanno segnato un'epoca come When Attitudes Become Form alla Kunsthalle di Berna nel 1969 e Documenta 5 del 1972, e delle installazioni e performance che le caratterizzavano, si conserva oggi grazie agli scatti di Burkhard.
Pur lavorando come fotocronista Burkhard aspira a lasciare il segno come artista. Insieme all'amico e collega Markus Raetz realizza le sue prime fotografie riprodotte in grande formato su tela. I soggetti - un letto coperto da un lenzuolo gualcito, un grande foglio di carta sul pavimento, una finestra coperta da una tenda - creano un'interferenza fra l'immagine e la tela di supporto che non viene tesa, ma ricade in morbide pieghe.
Nella scelta insolita della riproduzione in grande formato, così
come nell'approccio concettuale, la fotografia dialoga dunque con le altre forme d'arte dell'epoca.

Fra la metà degli anni Settanta e l'inizio degli anni Ottanta, Burkhard soggiorna negli Stati Uniti. Rientrato in Svizzera nel 1983 viene invitato a esporre alla Kunsthalle Basel e nel 1984, insieme a Niele Toroni, al Musée Rath di Ginevra. Nascono allestimenti in cui il corpo ingigantito fino ad assumere dimensioni monumentali si trasforma in paesaggio o elemento architettonico.



Al MASI sarà possibile ammirare una serie di gambe, originariamente esposte a Basilea, che percorrono come colonne i tre lati di una sala. Verrà inoltre riproposto l'allestimento concepito per il Musée Rath, in cui l'astrazione di Toroni, caratterizzata dalla ripetizione di impronte di pennello, è messa in relazione con
una serie di fotografie di grande formato di Burkhard. La fotografia si emancipa dunque dalla dimensione tradizionale, dal formato maneggevole, per divenire installazione spaziale, quasi a mettere alla prova, come altre forme d'arte in quel periodo, i limiti architettonici degli spazi espositivi tradizionali.
Nel corso della propria carriera Burkhard si dedica a più riprese al ritratto. Se negli anni di lavoro come fotocronista l'obiettivo è rivolto agli artisti impegnati nella creazione delle proprie opere, in seguito predilige i soggetti in posa, sia che si tratti di persone, sia che rivolga l'obiettivo agli animali tema, a metà degli anni Novanta, di una straordinaria serie in cui rivive l'approccio catalogatorio della fotografia ottocentesca.

Fra la metà degli anni Novanta e l'inizio nel nuovo millennio Burkhard si cimenta in fotografie di paesaggi urbani e naturali, riprodotti in grande formato e caratterizzati dal bianco e nero vellutato che è la cifra di gran parte della sua opera. Attraverso le proprie fotografie Burkhard sembra cercare una formula in cui racchiudere tutte le manifestazioni sia umane che naturali: le rocce e le onde assumono connotazioni sensuali, nei deserti si riconoscono regolarità architettoniche; le riprese
aeree di megalopoli - Tokyo, Chicago, Città del Messico - conferiscono alle città l'aspetto di organismi che si estendono a perdita d'occhio. La dimensione delle immagini ne sottolinea il significato emotivo anziché documentario, mentre il bianco e nero dai toni sfumati dona ad esse carattere quasi tattile.


Non siamo dunque di fronte a semplici immagini, ma a una concezione della
fotografia totalmente nuova che trova nei grandi e versatili spazi del MASI il proprio contesto ideale.
www.masilugano.ch

Giugno 2018

CHIUDI ...

CHIUDI ...

Al MASI di Lugano: Balthasar Burkhard, dal documento alla fotografia monumentale




L'intera carriera di Burkhard, sia nella sua attività di cronista della scena artistica internazionale fra gli anni Sessanta e Settanta, che nelle opere attraverso cui contribuì a rivoluzionare la pratica della fotografia.

Franca D.Scotti



Fino al 30 settembre 2018
Museo d'arte della Svizzera italiana, Lugano
sede LAC Lugano Arte e Cultura
La mostra è organizzata in collaborazione con
Folkwang Museum di Essen, FotoMuseum e Fotostiftung Schweiz di Winterthur
Coordinamento e allestimento a cura di Guido Comis e Diego Stephani

Il Museo d'arte della Svizzera italiana di Lugano dedica una mostra monografica all'opera del fotografo e artista svizzero Balthasar Burkhard (Berna, 1944-2010). L'esposizione, organizzata in collaborazione con il Folkwang Museum di Essen, il FotoMuseum e la Fotostiftung di Winterthur, ripercorre l'intera carriera di Burkhard documentando tanto la sua attività di cronista della scena artistica internazionale fra gli anni Sessanta e Settanta, che le opere attraverso cui contribuì a rivoluzionare la pratica della fotografia.



La mostra Balthasar Burkhard. Dal documento alla fotografia monumentale muove dalle immagini giovanili realizzate durante l'apprendistato nel segno della fotografia di reportage e documentaria degli anni Sessanta e ripercorre poi, attraverso un'ampia selezione di scatti, il suo lavoro di cronista della scena artistica internazionale a fianco del celebre curatore Harald Szeemann.
La memoria delle esposizioni di Szeemann che hanno segnato un'epoca come When Attitudes Become Form alla Kunsthalle di Berna nel 1969 e Documenta 5 del 1972, e delle installazioni e performance che le caratterizzavano, si conserva oggi grazie agli scatti di Burkhard.
Pur lavorando come fotocronista Burkhard aspira a lasciare il segno come artista. Insieme all'amico e collega Markus Raetz realizza le sue prime fotografie riprodotte in grande formato su tela. I soggetti - un letto coperto da un lenzuolo gualcito, un grande foglio di carta sul pavimento, una finestra coperta da una tenda - creano un'interferenza fra l'immagine e la tela di supporto che non viene tesa, ma ricade in morbide pieghe.
Nella scelta insolita della riproduzione in grande formato, così
come nell'approccio concettuale, la fotografia dialoga dunque con le altre forme d'arte dell'epoca.

Fra la metà degli anni Settanta e l'inizio degli anni Ottanta, Burkhard soggiorna negli Stati Uniti. Rientrato in Svizzera nel 1983 viene invitato a esporre alla Kunsthalle Basel e nel 1984, insieme a Niele Toroni, al Musée Rath di Ginevra. Nascono allestimenti in cui il corpo ingigantito fino ad assumere dimensioni monumentali si trasforma in paesaggio o elemento architettonico.



Al MASI sarà possibile ammirare una serie di gambe, originariamente esposte a Basilea, che percorrono come colonne i tre lati di una sala. Verrà inoltre riproposto l'allestimento concepito per il Musée Rath, in cui l'astrazione di Toroni, caratterizzata dalla ripetizione di impronte di pennello, è messa in relazione con
una serie di fotografie di grande formato di Burkhard. La fotografia si emancipa dunque dalla dimensione tradizionale, dal formato maneggevole, per divenire installazione spaziale, quasi a mettere alla prova, come altre forme d'arte in quel periodo, i limiti architettonici degli spazi espositivi tradizionali.
Nel corso della propria carriera Burkhard si dedica a più riprese al ritratto. Se negli anni di lavoro come fotocronista l'obiettivo è rivolto agli artisti impegnati nella creazione delle proprie opere, in seguito predilige i soggetti in posa, sia che si tratti di persone, sia che rivolga l'obiettivo agli animali tema, a metà degli anni Novanta, di una straordinaria serie in cui rivive l'approccio catalogatorio della fotografia ottocentesca.

Fra la metà degli anni Novanta e l'inizio nel nuovo millennio Burkhard si cimenta in fotografie di paesaggi urbani e naturali, riprodotti in grande formato e caratterizzati dal bianco e nero vellutato che è la cifra di gran parte della sua opera. Attraverso le proprie fotografie Burkhard sembra cercare una formula in cui racchiudere tutte le manifestazioni sia umane che naturali: le rocce e le onde assumono connotazioni sensuali, nei deserti si riconoscono regolarità architettoniche; le riprese
aeree di megalopoli - Tokyo, Chicago, Città del Messico - conferiscono alle città l'aspetto di organismi che si estendono a perdita d'occhio. La dimensione delle immagini ne sottolinea il significato emotivo anziché documentario, mentre il bianco e nero dai toni sfumati dona ad esse carattere quasi tattile.


Non siamo dunque di fronte a semplici immagini, ma a una concezione della
fotografia totalmente nuova che trova nei grandi e versatili spazi del MASI il proprio contesto ideale.
www.masilugano.ch

Giugno 2018

CHIUDI ...


Relais La Costa Dimora Storica: nel cuore delle colline senesi




Un'antica stazione di posta del 1000 sulla Via Francigena reinterpreta l'ospitalità.
Tra valori autentici e moderna esclusività

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Eclat et transparence de CHANEL COLLECTION CRUISE 2018


 E' la collezione trucco per l'estate di Chanel che punta su giochi di luce, ombre e trasparenze per ricreare un fascino misterioso e audace. ... CONTINUA

SKINIUS presenta NATRUX crema fluida corpo


 Idratante rassodante elasticizzante con il complesso Fospidina
NATRUX è la crema fluida corpo per un'efficace idratazione, rassodamento e incremento dell'elasticità cutanea. ... CONTINUA

CHANEL trasforma la detersione in un momento di assoluto benessere


La nuova collezione di struccanti Chanel è ideale per tutti i tipi di pelle e ogni tipologia di make up.
 LA COLLECTION DES DEMAQUILLANTS di CHANEL  è composta da sei prodotti dalle differenti texture per un rituale di detersione impeccabile. ... CONTINUA

Al Museo Vincenzo Vela: Echi dall'antichità. Carl Burckhardt (1878-1923)





Il Museo Vincenzo Vela a Ligornetto accoglie fino al 28 ottobre 2018 un'ampia mostra monografica dedicata a Carl Burckhardt, figura tra le più innovative della scultura svizzera del Novecento.

... CONTINUA

Al MASI di Lugano: Balthasar Burkhard, dal documento alla fotografia monumentale




L'intera carriera di Burkhard, sia nella sua attività di cronista della scena artistica internazionale fra gli anni Sessanta e Settanta, che nelle opere attraverso cui contribuì a rivoluzionare la pratica della fotografia.

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Grand Hotel di Rimini: the Grand Anniversary





E' ricco e importante il calendario di iniziative che caratterizzano il compleanno del Grand Hotel di Rimini, che quest'anno compie 110 anni.

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Il make-up CLARINS ''sboccia'' in Rinascente!


Make-up session & Body Art con i complici Clarins, ... CONTINUA

Focus idratazione con Collistar



Collistar lancia IDRO-ATTIVA® Idratazione Detox 72H, una linea di sette specialità viso scientificamente avanzate che assicurano alla pelle idratazione fino a 72H e protezione a 360° da stress ossidativi e inquinamento. Trattamenti pluri-attivi che associano l'esclusivo Idro-Attiva® Complex, idratante e rimpolpante, a un prezioso estratto di Peonia Italiana, antiossidante e detox.  ... CONTINUA

A Monza: Beyond shapes and colors A retrospective of HO KAN




La Villa Reale di Monza dedica fino al 9 luglio una retrospettiva all'artista Ho Kan, considerato oggi come uno dei grandi pionieri dell'astrazione cinese.

... CONTINUA

Al m.a.x. museo di Chiasso la mostra ''Achille Castiglioni'' Visionario




In occasione del centenario della nascita, la mostra celebra un grande protagonista della stagione d'oro del design degli anni Sessanta, che ha realizzato oltre 150 oggetti di design e ben 484 allestimenti.

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Da Lecce a Milano - Arriva Pescheria con Cottura




Pescheria con Cottura Milano apre in via Tito Speri 7 alle spalle dei grattacieli milanesi, tra Eataly e Corso Como, in uno dei quartieri dinamici della città che sta diventando il nuovo Distretto dell'enogastronomia.

Franca D.Scotti

... CONTINUA

TOM FORD SOLEIL SUMMER 2018 COLLECTION


Un caleidoscopio di tonalità solari e formule dalla texture seducente per occhi scintillanti, labbra carnose e nutrite e una pelle radiosa, baciata dal sole tutto l'anno. ... CONTINUA

Bugatti Jacqueline: il bollitore più glamour del momento




Ha la forma iconica di una borsa. Il nuovo bollitore Bugatti è un must have per gli amanti del tè perfetto.

... CONTINUA

''Culinary Germany'': la campagna tematica mondiale del DZT





L'Ente Nazionale Germanico per il Turismo punta sulla enogastronomia come attrattore fondamentale per il turismo: ingredienti e ricette tipiche, locande rurali e ristoranti stellati, grandi feste popolari

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Relais La Costa Dimora Storica: nel cuore delle colline senesi




Un'antica stazione di posta del 1000 sulla Via Francigena reinterpreta l'ospitalità.
Tra valori autentici e moderna esclusività

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Eclat et transparence de CHANEL COLLECTION CRUISE 2018


 E' la collezione trucco per l'estate di Chanel che punta su giochi di luce, ombre e trasparenze per ricreare un fascino misterioso e audace. ... CONTINUA

SKINIUS presenta NATRUX crema fluida corpo


 Idratante rassodante elasticizzante con il complesso Fospidina
NATRUX è la crema fluida corpo per un'efficace idratazione, rassodamento e incremento dell'elasticità cutanea. ... CONTINUA

CHANEL trasforma la detersione in un momento di assoluto benessere


La nuova collezione di struccanti Chanel è ideale per tutti i tipi di pelle e ogni tipologia di make up.
 LA COLLECTION DES DEMAQUILLANTS di CHANEL  è composta da sei prodotti dalle differenti texture per un rituale di detersione impeccabile. ... CONTINUA

Al Museo Vincenzo Vela: Echi dall'antichità. Carl Burckhardt (1878-1923)





Il Museo Vincenzo Vela a Ligornetto accoglie fino al 28 ottobre 2018 un'ampia mostra monografica dedicata a Carl Burckhardt, figura tra le più innovative della scultura svizzera del Novecento.

... CONTINUA

Al MASI di Lugano: Balthasar Burkhard, dal documento alla fotografia monumentale




L'intera carriera di Burkhard, sia nella sua attività di cronista della scena artistica internazionale fra gli anni Sessanta e Settanta, che nelle opere attraverso cui contribuì a rivoluzionare la pratica della fotografia.

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Grand Hotel di Rimini: the Grand Anniversary





E' ricco e importante il calendario di iniziative che caratterizzano il compleanno del Grand Hotel di Rimini, che quest'anno compie 110 anni.

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Il make-up CLARINS ''sboccia'' in Rinascente!


Make-up session & Body Art con i complici Clarins, ... CONTINUA

Focus idratazione con Collistar



Collistar lancia IDRO-ATTIVA® Idratazione Detox 72H, una linea di sette specialità viso scientificamente avanzate che assicurano alla pelle idratazione fino a 72H e protezione a 360° da stress ossidativi e inquinamento. Trattamenti pluri-attivi che associano l'esclusivo Idro-Attiva® Complex, idratante e rimpolpante, a un prezioso estratto di Peonia Italiana, antiossidante e detox.  ... CONTINUA

A Monza: Beyond shapes and colors A retrospective of HO KAN




La Villa Reale di Monza dedica fino al 9 luglio una retrospettiva all'artista Ho Kan, considerato oggi come uno dei grandi pionieri dell'astrazione cinese.

... CONTINUA

Relais La Costa Dimora Storica: nel cuore delle colline senesi




Un'antica stazione di posta del 1000 sulla Via Francigena reinterpreta l'ospitalità.
Tra valori autentici e moderna esclusività

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Eclat et transparence de CHANEL COLLECTION CRUISE 2018


 E' la collezione trucco per l'estate di Chanel che punta su giochi di luce, ombre e trasparenze per ricreare un fascino misterioso e audace. ... CONTINUA

SKINIUS presenta NATRUX crema fluida corpo


 Idratante rassodante elasticizzante con il complesso Fospidina
NATRUX è la crema fluida corpo per un'efficace idratazione, rassodamento e incremento dell'elasticità cutanea. ... CONTINUA

CHANEL trasforma la detersione in un momento di assoluto benessere


La nuova collezione di struccanti Chanel è ideale per tutti i tipi di pelle e ogni tipologia di make up.
 LA COLLECTION DES DEMAQUILLANTS di CHANEL  è composta da sei prodotti dalle differenti texture per un rituale di detersione impeccabile. ... CONTINUA

Al Museo Vincenzo Vela: Echi dall'antichità. Carl Burckhardt (1878-1923)





Il Museo Vincenzo Vela a Ligornetto accoglie fino al 28 ottobre 2018 un'ampia mostra monografica dedicata a Carl Burckhardt, figura tra le più innovative della scultura svizzera del Novecento.

... CONTINUA

Al MASI di Lugano: Balthasar Burkhard, dal documento alla fotografia monumentale




L'intera carriera di Burkhard, sia nella sua attività di cronista della scena artistica internazionale fra gli anni Sessanta e Settanta, che nelle opere attraverso cui contribuì a rivoluzionare la pratica della fotografia.

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Grand Hotel di Rimini: the Grand Anniversary





E' ricco e importante il calendario di iniziative che caratterizzano il compleanno del Grand Hotel di Rimini, che quest'anno compie 110 anni.

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Il make-up CLARINS ''sboccia'' in Rinascente!


Make-up session & Body Art con i complici Clarins, ... CONTINUA

Focus idratazione con Collistar



Collistar lancia IDRO-ATTIVA® Idratazione Detox 72H, una linea di sette specialità viso scientificamente avanzate che assicurano alla pelle idratazione fino a 72H e protezione a 360° da stress ossidativi e inquinamento. Trattamenti pluri-attivi che associano l'esclusivo Idro-Attiva® Complex, idratante e rimpolpante, a un prezioso estratto di Peonia Italiana, antiossidante e detox.  ... CONTINUA

A Monza: Beyond shapes and colors A retrospective of HO KAN




La Villa Reale di Monza dedica fino al 9 luglio una retrospettiva all'artista Ho Kan, considerato oggi come uno dei grandi pionieri dell'astrazione cinese.

... CONTINUA

Al m.a.x. museo di Chiasso la mostra ''Achille Castiglioni'' Visionario




In occasione del centenario della nascita, la mostra celebra un grande protagonista della stagione d'oro del design degli anni Sessanta, che ha realizzato oltre 150 oggetti di design e ben 484 allestimenti.

Franca D.Scotti

... CONTINUA

Da Lecce a Milano - Arriva Pescheria con Cottura




Pescheria con Cottura Milano apre in via Tito Speri 7 alle spalle dei grattacieli milanesi, tra Eataly e Corso Como, in uno dei quartieri dinamici della città che sta diventando il nuovo Distretto dell'enogastronomia.

Franca D.Scotti

... CONTINUA

TOM FORD SOLEIL SUMMER 2018 COLLECTION


Un caleidoscopio di tonalità solari e formule dalla texture seducente per occhi scintillanti, labbra carnose e nutrite e una pelle radiosa, baciata dal sole tutto l'anno. ... CONTINUA

Bugatti Jacqueline: il bollitore più glamour del momento




Ha la forma iconica di una borsa. Il nuovo bollitore Bugatti è un must have per gli amanti del tè perfetto.

... CONTINUA

''Culinary Germany'': la campagna tematica mondiale del DZT





L'Ente Nazionale Germanico per il Turismo punta sulla enogastronomia come attrattore fondamentale per il turismo: ingredienti e ricette tipiche, locande rurali e ristoranti stellati, grandi feste popolari

Franca D.Scotti

... CONTINUA

HOME: NEWS - ARCHIVIO: 87 - 86 - 85 - 84 - 83 - 82 - 81 - 80 - 79 - 78 - 77 - 76 - 75 - 74 - 73 - 72 - 71 - 70 - 69 - 68 - 67 - 66 - 65 - 64 - 63 - 62 - 61 - 60 - 59 - 58 - 57 - 56 - 55 - 54 - 53 - 52 - 51 - 50 - 49 - 48 - 47 - 46 - 45 - 44 - 43 - 42 - 41 - 40 - 39 - 38 - 37 - 36 - 35 - 34 - 33 - 32 - 31 - 30 - 29 - 28 - 27 - 26 - 25 - 24 - 23 - 22 - 21 - 20 - 19 - 18 - 17 - 16 - 15 - 14 - 13 - 12 - 11 - 10 - 9 - 8 - 7 - 6 - 5 - 4 - 3 - 2 - 1 -


  PRIVACY AND COOKIES
Powered by MMS © EUROTEAM 2015