HOME

FASHION

BEAUTY

TRAVEL

DESIGN

FOOD

NEWS

ARCHIVE

CHI SIAMO


HOME

FASHION

BEAUTY

TRAVEL

DESIGN

FOOD

ARCHIVE

CHI SIAMO


A new online Magazine of the most famous International Brands and Italian-Lifestyle Testimonials




HOME

CHIUDI ...

Alla Fondazione Ferrero ''Dal nulla al sogno''




Fino al 25 febbraio la mostra ''Dal nulla al sogno. Dada e Surrealismo dalla Collezione del Museo Boijmans Van Beuningen'' alla Fondazione Ferrero ad Alba



Curata dal professor Marco Vallora, la mostra si articola seguendo una logica espositiva che riflette le suggestioni surrealiste nel modo in cui le opere sono presentate.
L'esposizione si suddivide in nove sezioni, all'interno delle quali si susseguono opere di grande pregio e dal forte impatto. Le opere coesistono in un dialogo ora armonico, ora contrastante, seguendo una progressione prevalentemente tematica e prestando un'attenzione particolare alla cronologia degli eventi.



I capolavori esposti riflettono alcune delle problematiche e dei temi che contribuiscono a segnare i confini tra la poetica nichilista del movimento Dada e quella più propositiva tipica del Surrealismo: il caso, la bruttezza estetica, il sogno, l'inconscio, la relazione con l'arte antica, il legame tra arte e ideologia.

Molti dei capolavori del Museo Boijmans Van Beuningen sono trasferiti alla Fondazione Ferrero. La maggior parte delle opere è esposta in Italia per la prima volta in assoluto. Come spiega il curatore, Marco Vallora: «In un'esposizione profondamente ragionata ed articolata, la Fondazione presenta una nuova mostra internazionale in occasione del suo appuntamento biennale con la grande arte. Questa mostra unica nel suo genere si distinguerà da quelle precedenti, in quanto includerà anche libri, poesie e riviste, tutti legati ai due movimenti, unitamente a opere pittoriche e scultoree innovative e spesso rivoluzionarie, altamente evocative e di grande rilevanza storica».

Grazie alle opere concesse in prestito dal Museo Boijmans Van Beuningen, saranno esposte tre versioni diverse delle Boîtes (''scatole'') di Marcel Duchamp (La boîte verte, La boîte-en-valise, À l'infinitif).



A partire dagli anni '30 del Novecento Duchamp cessò di essere un artista, diventando all'apparenza un semplice giocatore di scacchi e, in queste scatole, egli ripose tutta la sua scandalosa oeuvre, mosso dall'intento polemico e sarcastico di distruggere l'idea di genio artistico, rimpiazzando la pomposa esposizione museale con una semplice valigetta, pronta a seguire il suo nomadismo costituzionale e la sua caustica, corrosiva ironia.


Attraverso la parola shock ''nulla'', il titolo della mostra mira a sorprendere e affascinare, ma anche a perseguire uno dei capisaldi più radicali del programma dadaista.

Non solo basato sul caso e sul rifiuto del concetto di artista onnipotente e maestro padrone della sua opera, il Dadaismo segue altresì le regole dell'azzardo e del gioco, e in particolare, protende verso la negazione dell'arte stessa, il rigetto della bellezza da museo, e con i suoi ready-made, verso il rifiuto dell'arte decorativa e rassicurante. Al contrario, l'opera d'arte, che ormai non è quasi più né un'opera né arte, deve suscitare sentimenti d'inquietudine, turbamento e in particolare, insinuare dubbi nello spettatore. L'esposizione include inoltre Man Ray, Arp e un'eccentrica e provocativa tela del dandy spagnolo naturalizzato parigino, Francis Picabia.



Spostandosi verso il Surrealismo e il suo mondo onirico, troviamo i disegni preparatori e uno straordinario dipinto di Salvador Dalí ispirato al libro di Raymond Rousell New Impressions of Africa. Un'altra importantissima opera è costituita dai Chants de Maldoror del Comte de Lautréamont, illustrati sia da Dalí sia da Magritte. Man Ray nell'opera L'enigme d'Isidore Ducasse, nascose una macchina da cucire Singer sotto la coperta di un'asse da stiro, forse un omaggio a Winnaretta Singer, grande mecenate del movimento e delle pellicole in mostra, ma certamente anche un tributo alla famosa massima di Lautréamont: «Bello come l'incontro fortuito su un tavolo di dissezione di una macchina da cucire e di un ombrello».

La parte della mostra dedicata ai Sogni simboleggia una sorta di nuovo inizio dopo l'annichilimento e il rifiuto radicale dell'arte perpetrato dai dadaisti. Per questo motivo, la parola ''sogno'' significa qui libertà, spensieratezza, ma anche introspezione e penetrazione dell'inconscio. Tutto ciò si riflette nei dipinti di scenari sommersi di Yves Tanguy, nelle creazioni visionarie di Victor Brauner, nelle bambole sadomasochistiche di Hans Bellmer, nelle fotografie di Claude Cahun, e nelle teche di un poeta-artigiano quale Joseph Cornell.

Situato nel cuore di Rotterdam da ben 170 anni, il Museo Boijmans Van Beuningen si distingue da sempre per il suo carattere eclettico. Il museo prende il nome da due importanti collezionisti: Frans Boijmans e Daniël George van Beuningen, i quali hanno contribuito ad arricchire la collezione di molti capolavori.

La collezione surrealista comprende adesso oltre 125 dipinti e sculture e una collezione di libri e pubblicazioni rare, e richiama a sé gli amanti dell'arte di tutto il mondo. Svariate delle opere iconiche parte di questa collezione erano originariamente proprietà del collezionista britannico Edward James, il quale fu per diversi anni il patrono di Dalì e di Magritte. Lo ritroviamo ritratto nel celebre dipinto La reproduction interdite, che sarà esibito come parte della mostra.

Dal nulla al sogno
Dada e Surrealismo dalla Collezione del Museo Boijmans Van Beuningen
A cura di Marco Vallora
Fondazione Ferrero
Alba (Cuneo) Italia
Fino al 25 febbraio 2019
www.fondazioneferrero.com

Franca D.Scotti

Novembre 2018

CHIUDI ...

CHIUDI ...

Alla Fondazione Ferrero ''Dal nulla al sogno''




Fino al 25 febbraio la mostra ''Dal nulla al sogno. Dada e Surrealismo dalla Collezione del Museo Boijmans Van Beuningen'' alla Fondazione Ferrero ad Alba



Curata dal professor Marco Vallora, la mostra si articola seguendo una logica espositiva che riflette le suggestioni surrealiste nel modo in cui le opere sono presentate.
L'esposizione si suddivide in nove sezioni, all'interno delle quali si susseguono opere di grande pregio e dal forte impatto. Le opere coesistono in un dialogo ora armonico, ora contrastante, seguendo una progressione prevalentemente tematica e prestando un'attenzione particolare alla cronologia degli eventi.



I capolavori esposti riflettono alcune delle problematiche e dei temi che contribuiscono a segnare i confini tra la poetica nichilista del movimento Dada e quella più propositiva tipica del Surrealismo: il caso, la bruttezza estetica, il sogno, l'inconscio, la relazione con l'arte antica, il legame tra arte e ideologia.

Molti dei capolavori del Museo Boijmans Van Beuningen sono trasferiti alla Fondazione Ferrero. La maggior parte delle opere è esposta in Italia per la prima volta in assoluto. Come spiega il curatore, Marco Vallora: «In un'esposizione profondamente ragionata ed articolata, la Fondazione presenta una nuova mostra internazionale in occasione del suo appuntamento biennale con la grande arte. Questa mostra unica nel suo genere si distinguerà da quelle precedenti, in quanto includerà anche libri, poesie e riviste, tutti legati ai due movimenti, unitamente a opere pittoriche e scultoree innovative e spesso rivoluzionarie, altamente evocative e di grande rilevanza storica».

Grazie alle opere concesse in prestito dal Museo Boijmans Van Beuningen, saranno esposte tre versioni diverse delle Boîtes (''scatole'') di Marcel Duchamp (La boîte verte, La boîte-en-valise, À l'infinitif).



A partire dagli anni '30 del Novecento Duchamp cessò di essere un artista, diventando all'apparenza un semplice giocatore di scacchi e, in queste scatole, egli ripose tutta la sua scandalosa oeuvre, mosso dall'intento polemico e sarcastico di distruggere l'idea di genio artistico, rimpiazzando la pomposa esposizione museale con una semplice valigetta, pronta a seguire il suo nomadismo costituzionale e la sua caustica, corrosiva ironia.


Attraverso la parola shock ''nulla'', il titolo della mostra mira a sorprendere e affascinare, ma anche a perseguire uno dei capisaldi più radicali del programma dadaista.

Non solo basato sul caso e sul rifiuto del concetto di artista onnipotente e maestro padrone della sua opera, il Dadaismo segue altresì le regole dell'azzardo e del gioco, e in particolare, protende verso la negazione dell'arte stessa, il rigetto della bellezza da museo, e con i suoi ready-made, verso il rifiuto dell'arte decorativa e rassicurante. Al contrario, l'opera d'arte, che ormai non è quasi più né un'opera né arte, deve suscitare sentimenti d'inquietudine, turbamento e in particolare, insinuare dubbi nello spettatore. L'esposizione include inoltre Man Ray, Arp e un'eccentrica e provocativa tela del dandy spagnolo naturalizzato parigino, Francis Picabia.



Spostandosi verso il Surrealismo e il suo mondo onirico, troviamo i disegni preparatori e uno straordinario dipinto di Salvador Dalí ispirato al libro di Raymond Rousell New Impressions of Africa. Un'altra importantissima opera è costituita dai Chants de Maldoror del Comte de Lautréamont, illustrati sia da Dalí sia da Magritte. Man Ray nell'opera L'enigme d'Isidore Ducasse, nascose una macchina da cucire Singer sotto la coperta di un'asse da stiro, forse un omaggio a Winnaretta Singer, grande mecenate del movimento e delle pellicole in mostra, ma certamente anche un tributo alla famosa massima di Lautréamont: «Bello come l'incontro fortuito su un tavolo di dissezione di una macchina da cucire e di un ombrello».

La parte della mostra dedicata ai Sogni simboleggia una sorta di nuovo inizio dopo l'annichilimento e il rifiuto radicale dell'arte perpetrato dai dadaisti. Per questo motivo, la parola ''sogno'' significa qui libertà, spensieratezza, ma anche introspezione e penetrazione dell'inconscio. Tutto ciò si riflette nei dipinti di scenari sommersi di Yves Tanguy, nelle creazioni visionarie di Victor Brauner, nelle bambole sadomasochistiche di Hans Bellmer, nelle fotografie di Claude Cahun, e nelle teche di un poeta-artigiano quale Joseph Cornell.

Situato nel cuore di Rotterdam da ben 170 anni, il Museo Boijmans Van Beuningen si distingue da sempre per il suo carattere eclettico. Il museo prende il nome da due importanti collezionisti: Frans Boijmans e Daniël George van Beuningen, i quali hanno contribuito ad arricchire la collezione di molti capolavori.

La collezione surrealista comprende adesso oltre 125 dipinti e sculture e una collezione di libri e pubblicazioni rare, e richiama a sé gli amanti dell'arte di tutto il mondo. Svariate delle opere iconiche parte di questa collezione erano originariamente proprietà del collezionista britannico Edward James, il quale fu per diversi anni il patrono di Dalì e di Magritte. Lo ritroviamo ritratto nel celebre dipinto La reproduction interdite, che sarà esibito come parte della mostra.

Dal nulla al sogno
Dada e Surrealismo dalla Collezione del Museo Boijmans Van Beuningen
A cura di Marco Vallora
Fondazione Ferrero
Alba (Cuneo) Italia
Fino al 25 febbraio 2019
www.fondazioneferrero.com

Franca D.Scotti

Novembre 2018

CHIUDI ...

CHIUDI ...

Alla Fondazione Ferrero ''Dal nulla al sogno''




Fino al 25 febbraio la mostra ''Dal nulla al sogno. Dada e Surrealismo dalla Collezione del Museo Boijmans Van Beuningen'' alla Fondazione Ferrero ad Alba



Curata dal professor Marco Vallora, la mostra si articola seguendo una logica espositiva che riflette le suggestioni surrealiste nel modo in cui le opere sono presentate.
L'esposizione si suddivide in nove sezioni, all'interno delle quali si susseguono opere di grande pregio e dal forte impatto. Le opere coesistono in un dialogo ora armonico, ora contrastante, seguendo una progressione prevalentemente tematica e prestando un'attenzione particolare alla cronologia degli eventi.



I capolavori esposti riflettono alcune delle problematiche e dei temi che contribuiscono a segnare i confini tra la poetica nichilista del movimento Dada e quella più propositiva tipica del Surrealismo: il caso, la bruttezza estetica, il sogno, l'inconscio, la relazione con l'arte antica, il legame tra arte e ideologia.

Molti dei capolavori del Museo Boijmans Van Beuningen sono trasferiti alla Fondazione Ferrero. La maggior parte delle opere è esposta in Italia per la prima volta in assoluto. Come spiega il curatore, Marco Vallora: «In un'esposizione profondamente ragionata ed articolata, la Fondazione presenta una nuova mostra internazionale in occasione del suo appuntamento biennale con la grande arte. Questa mostra unica nel suo genere si distinguerà da quelle precedenti, in quanto includerà anche libri, poesie e riviste, tutti legati ai due movimenti, unitamente a opere pittoriche e scultoree innovative e spesso rivoluzionarie, altamente evocative e di grande rilevanza storica».

Grazie alle opere concesse in prestito dal Museo Boijmans Van Beuningen, saranno esposte tre versioni diverse delle Boîtes (''scatole'') di Marcel Duchamp (La boîte verte, La boîte-en-valise, À l'infinitif).



A partire dagli anni '30 del Novecento Duchamp cessò di essere un artista, diventando all'apparenza un semplice giocatore di scacchi e, in queste scatole, egli ripose tutta la sua scandalosa oeuvre, mosso dall'intento polemico e sarcastico di distruggere l'idea di genio artistico, rimpiazzando la pomposa esposizione museale con una semplice valigetta, pronta a seguire il suo nomadismo costituzionale e la sua caustica, corrosiva ironia.


Attraverso la parola shock ''nulla'', il titolo della mostra mira a sorprendere e affascinare, ma anche a perseguire uno dei capisaldi più radicali del programma dadaista.

Non solo basato sul caso e sul rifiuto del concetto di artista onnipotente e maestro padrone della sua opera, il Dadaismo segue altresì le regole dell'azzardo e del gioco, e in particolare, protende verso la negazione dell'arte stessa, il rigetto della bellezza da museo, e con i suoi ready-made, verso il rifiuto dell'arte decorativa e rassicurante. Al contrario, l'opera d'arte, che ormai non è quasi più né un'opera né arte, deve suscitare sentimenti d'inquietudine, turbamento e in particolare, insinuare dubbi nello spettatore. L'esposizione include inoltre Man Ray, Arp e un'eccentrica e provocativa tela del dandy spagnolo naturalizzato parigino, Francis Picabia.



Spostandosi verso il Surrealismo e il suo mondo onirico, troviamo i disegni preparatori e uno straordinario dipinto di Salvador Dalí ispirato al libro di Raymond Rousell New Impressions of Africa. Un'altra importantissima opera è costituita dai Chants de Maldoror del Comte de Lautréamont, illustrati sia da Dalí sia da Magritte. Man Ray nell'opera L'enigme d'Isidore Ducasse, nascose una macchina da cucire Singer sotto la coperta di un'asse da stiro, forse un omaggio a Winnaretta Singer, grande mecenate del movimento e delle pellicole in mostra, ma certamente anche un tributo alla famosa massima di Lautréamont: «Bello come l'incontro fortuito su un tavolo di dissezione di una macchina da cucire e di un ombrello».

La parte della mostra dedicata ai Sogni simboleggia una sorta di nuovo inizio dopo l'annichilimento e il rifiuto radicale dell'arte perpetrato dai dadaisti. Per questo motivo, la parola ''sogno'' significa qui libertà, spensieratezza, ma anche introspezione e penetrazione dell'inconscio. Tutto ciò si riflette nei dipinti di scenari sommersi di Yves Tanguy, nelle creazioni visionarie di Victor Brauner, nelle bambole sadomasochistiche di Hans Bellmer, nelle fotografie di Claude Cahun, e nelle teche di un poeta-artigiano quale Joseph Cornell.

Situato nel cuore di Rotterdam da ben 170 anni, il Museo Boijmans Van Beuningen si distingue da sempre per il suo carattere eclettico. Il museo prende il nome da due importanti collezionisti: Frans Boijmans e Daniël George van Beuningen, i quali hanno contribuito ad arricchire la collezione di molti capolavori.

La collezione surrealista comprende adesso oltre 125 dipinti e sculture e una collezione di libri e pubblicazioni rare, e richiama a sé gli amanti dell'arte di tutto il mondo. Svariate delle opere iconiche parte di questa collezione erano originariamente proprietà del collezionista britannico Edward James, il quale fu per diversi anni il patrono di Dalì e di Magritte. Lo ritroviamo ritratto nel celebre dipinto La reproduction interdite, che sarà esibito come parte della mostra.

Dal nulla al sogno
Dada e Surrealismo dalla Collezione del Museo Boijmans Van Beuningen
A cura di Marco Vallora
Fondazione Ferrero
Alba (Cuneo) Italia
Fino al 25 febbraio 2019
www.fondazioneferrero.com

Franca D.Scotti

Novembre 2018

CHIUDI ...


Il più bel CALENDARIO DELL'AVVENTO ce lo propone CLARINS


In attesa del Natale… sboccia la bellezza Clarins!
Con una pioggia di petali, la quarta edizione del Calendario dell'Avvento rende questo periodo ancora più magico e bello. ... CONTINUA

Il NATALE diI BOTTEGA VERDE: un sogno ad occhi aperti


Potrai scegliere fra più di 100 idee regalo e 4 nuove Linee in edizione limitata
Si accende la magia del Natale 2018 di Bottega Verde con oltre 100 idee regalo proposte in una originale varietà di confezioni, colori, tipologie e prezzi. ... CONTINUA

Con Gattinoni ad Antigua: Jumby Bay Island svela il nuovo volto





La splendida isola privata a pochi minuti di barca dalle coste di Antigua ha aperto i battenti dopo una suprema trasformazione

Franca D.Scotti

... CONTINUA

The Dedica Anthology: nasce un nuovo brand di curated, contemporary hôtellerie




Un nuovo brand nel mondo dell'hôtellerie di lusso è stato ufficialmente lanciato a Milano.

Franca D.Scotti

... CONTINUA

A Mendrisio la mostra Swiss Architectural Award 2018





Fino al 23 dicembre nell'Auditorio del Teatro dell'architettura Mendrisio
la mostra che documenta l'esito della sesta edizione del premio internazionale di architettura


... CONTINUA

A Palazzo Magnani di Reggio Emilia il grande gioco di Dubuffet




Fino al 3 marzo 2019 la mostra ''Jean Dubuffet, l'arte in gioco. Materia e spirito 1943-1985''

... CONTINUA

Loison: un Natale prezioso




Loison, leader nella pasticceria, propone i nuovi prodotti per il Natale 2018 all'insegna della gioielleria

Franca D.Scotti

... CONTINUA

VOLETE SOGNARE? Ecco cosa ci propone CHANEL
per la prossima primavera-estate 2019




Su ispirazione di Karl Lagerfeld la collezione è stata presentata in un idilliaco decoro balneare al Grand Palais de Paris.

Godetevi la sfilata e buona visione!

Paola Luchetti 15 Novembre 2018

LA NUOVA ABSOLUE DI LANCOME




Un picco di rigenerazione per la pelle

Nel 2018 Lancôme, grazie alla sua profonda conoscenza delle donne, reinventa la sua gamma più lussuosa, Absolue, che con il suo ingrediente attivo straordinario, la sua texture trasformativa, propone una nuova definizione del trattamento premium.

... CONTINUA

HOLIDAY CAMPAIGN RAY-BAN 2018




E' l'appartenere a qualcosa che ci rende liberi Da più di 80 anni, il nome Ray-Ban identifica il brand più iconico nel mondo dell'eyewear.

Una lunga storia che, attraversando i decenni e le tendenze, racconta delle persone che scelgono i suoi prodotti. Ray-Ban significa vedere e farsi vedere, affermare la propria personalità e dettare chi siamo, invece di lasciarselo dire dagli altri. Ma, soprattutto, significa condividere la propria natura con le persone che la comprendono. È senso di appartenenza, senza conformismo.

... CONTINUA

Apre il primo TEMPORARY BEAUTY STORE firmato LUXURY LAB COSMETICS


I brand più esclusivi della cosmesi, nel cuore di Milano
Dal 15 al 30 novembre, presso il nuovo Luxury Lab Cosmetics -The Beauty Store, due settimane dedicate alla scoperta, acquisto e testing di anteprime, promo, kit e novità firmate Natura Bissé, AHAVA, REN Clean Skicare, The Organic Pharmacy, 100BON, mi-rê e PROCEANIS. ... CONTINUA

YSL BEAUTÉ presenta il suo primo HOLIDAY LOOK

Gold Attraction

Creato dall'inimitabile Tom Pecheux, la collezione presenta un insieme di colori metallici scintillanti che illumina il volto con un dinamismo sofisticato e luccicante ... CONTINUA

Alla Fondazione Ferrero ''Dal nulla al sogno''




Fino al 25 febbraio la mostra ''Dal nulla al sogno. Dada e Surrealismo dalla Collezione del Museo Boijmans Van Beuningen'' alla Fondazione Ferrero ad Alba

... CONTINUA

Il Rinascimento nelle terre ticinesi






Con l'allestimento di Mario Botta una importante mostra alla Pinacoteca Züst di Rancate (Mendrisio)


Franca D.Scotti

... CONTINUA

CHROMA COLLECTION di PROENZA SCHOULER


Lancôme x Proenza Schouler un incontro di stili, due marche che condividono una visione di femminilità ... CONTINUA

Il più bel CALENDARIO DELL'AVVENTO ce lo propone CLARINS


In attesa del Natale… sboccia la bellezza Clarins!
Con una pioggia di petali, la quarta edizione del Calendario dell'Avvento rende questo periodo ancora più magico e bello. ... CONTINUA

Il NATALE diI BOTTEGA VERDE: un sogno ad occhi aperti


Potrai scegliere fra più di 100 idee regalo e 4 nuove Linee in edizione limitata
Si accende la magia del Natale 2018 di Bottega Verde con oltre 100 idee regalo proposte in una originale varietà di confezioni, colori, tipologie e prezzi. ... CONTINUA

Con Gattinoni ad Antigua: Jumby Bay Island svela il nuovo volto





La splendida isola privata a pochi minuti di barca dalle coste di Antigua ha aperto i battenti dopo una suprema trasformazione

Franca D.Scotti

... CONTINUA

The Dedica Anthology: nasce un nuovo brand di curated, contemporary hôtellerie




Un nuovo brand nel mondo dell'hôtellerie di lusso è stato ufficialmente lanciato a Milano.

Franca D.Scotti

... CONTINUA

A Mendrisio la mostra Swiss Architectural Award 2018





Fino al 23 dicembre nell'Auditorio del Teatro dell'architettura Mendrisio
la mostra che documenta l'esito della sesta edizione del premio internazionale di architettura


... CONTINUA

A Palazzo Magnani di Reggio Emilia il grande gioco di Dubuffet




Fino al 3 marzo 2019 la mostra ''Jean Dubuffet, l'arte in gioco. Materia e spirito 1943-1985''

... CONTINUA

Loison: un Natale prezioso




Loison, leader nella pasticceria, propone i nuovi prodotti per il Natale 2018 all'insegna della gioielleria

Franca D.Scotti

... CONTINUA

VOLETE SOGNARE? Ecco cosa ci propone CHANEL
per la prossima primavera-estate 2019




Su ispirazione di Karl Lagerfeld la collezione è stata presentata in un idilliaco decoro balneare al Grand Palais de Paris.

Godetevi la sfilata e buona visione!

Paola Luchetti 15 Novembre 2018

LA NUOVA ABSOLUE DI LANCOME




Un picco di rigenerazione per la pelle

Nel 2018 Lancôme, grazie alla sua profonda conoscenza delle donne, reinventa la sua gamma più lussuosa, Absolue, che con il suo ingrediente attivo straordinario, la sua texture trasformativa, propone una nuova definizione del trattamento premium.

... CONTINUA

HOLIDAY CAMPAIGN RAY-BAN 2018




E' l'appartenere a qualcosa che ci rende liberi Da più di 80 anni, il nome Ray-Ban identifica il brand più iconico nel mondo dell'eyewear.

Una lunga storia che, attraversando i decenni e le tendenze, racconta delle persone che scelgono i suoi prodotti. Ray-Ban significa vedere e farsi vedere, affermare la propria personalità e dettare chi siamo, invece di lasciarselo dire dagli altri. Ma, soprattutto, significa condividere la propria natura con le persone che la comprendono. È senso di appartenenza, senza conformismo.

... CONTINUA

Il più bel CALENDARIO DELL'AVVENTO ce lo propone CLARINS


In attesa del Natale… sboccia la bellezza Clarins!
Con una pioggia di petali, la quarta edizione del Calendario dell'Avvento rende questo periodo ancora più magico e bello. ... CONTINUA

Il NATALE diI BOTTEGA VERDE: un sogno ad occhi aperti


Potrai scegliere fra più di 100 idee regalo e 4 nuove Linee in edizione limitata
Si accende la magia del Natale 2018 di Bottega Verde con oltre 100 idee regalo proposte in una originale varietà di confezioni, colori, tipologie e prezzi. ... CONTINUA

Con Gattinoni ad Antigua: Jumby Bay Island svela il nuovo volto





La splendida isola privata a pochi minuti di barca dalle coste di Antigua ha aperto i battenti dopo una suprema trasformazione

Franca D.Scotti

... CONTINUA

The Dedica Anthology: nasce un nuovo brand di curated, contemporary hôtellerie




Un nuovo brand nel mondo dell'hôtellerie di lusso è stato ufficialmente lanciato a Milano.

Franca D.Scotti

... CONTINUA

A Mendrisio la mostra Swiss Architectural Award 2018





Fino al 23 dicembre nell'Auditorio del Teatro dell'architettura Mendrisio
la mostra che documenta l'esito della sesta edizione del premio internazionale di architettura


... CONTINUA

A Palazzo Magnani di Reggio Emilia il grande gioco di Dubuffet




Fino al 3 marzo 2019 la mostra ''Jean Dubuffet, l'arte in gioco. Materia e spirito 1943-1985''

... CONTINUA

Loison: un Natale prezioso




Loison, leader nella pasticceria, propone i nuovi prodotti per il Natale 2018 all'insegna della gioielleria

Franca D.Scotti

... CONTINUA

VOLETE SOGNARE? Ecco cosa ci propone CHANEL
per la prossima primavera-estate 2019




Su ispirazione di Karl Lagerfeld la collezione è stata presentata in un idilliaco decoro balneare al Grand Palais de Paris.

Godetevi la sfilata e buona visione!

Paola Luchetti 15 Novembre 2018

LA NUOVA ABSOLUE DI LANCOME




Un picco di rigenerazione per la pelle

Nel 2018 Lancôme, grazie alla sua profonda conoscenza delle donne, reinventa la sua gamma più lussuosa, Absolue, che con il suo ingrediente attivo straordinario, la sua texture trasformativa, propone una nuova definizione del trattamento premium.

... CONTINUA

HOLIDAY CAMPAIGN RAY-BAN 2018




E' l'appartenere a qualcosa che ci rende liberi Da più di 80 anni, il nome Ray-Ban identifica il brand più iconico nel mondo dell'eyewear.

Una lunga storia che, attraversando i decenni e le tendenze, racconta delle persone che scelgono i suoi prodotti. Ray-Ban significa vedere e farsi vedere, affermare la propria personalità e dettare chi siamo, invece di lasciarselo dire dagli altri. Ma, soprattutto, significa condividere la propria natura con le persone che la comprendono. È senso di appartenenza, senza conformismo.

... CONTINUA

Apre il primo TEMPORARY BEAUTY STORE firmato LUXURY LAB COSMETICS


I brand più esclusivi della cosmesi, nel cuore di Milano
Dal 15 al 30 novembre, presso il nuovo Luxury Lab Cosmetics -The Beauty Store, due settimane dedicate alla scoperta, acquisto e testing di anteprime, promo, kit e novità firmate Natura Bissé, AHAVA, REN Clean Skicare, The Organic Pharmacy, 100BON, mi-rê e PROCEANIS. ... CONTINUA

YSL BEAUTÉ presenta il suo primo HOLIDAY LOOK

Gold Attraction

Creato dall'inimitabile Tom Pecheux, la collezione presenta un insieme di colori metallici scintillanti che illumina il volto con un dinamismo sofisticato e luccicante ... CONTINUA

Alla Fondazione Ferrero ''Dal nulla al sogno''




Fino al 25 febbraio la mostra ''Dal nulla al sogno. Dada e Surrealismo dalla Collezione del Museo Boijmans Van Beuningen'' alla Fondazione Ferrero ad Alba

... CONTINUA

Il Rinascimento nelle terre ticinesi






Con l'allestimento di Mario Botta una importante mostra alla Pinacoteca Züst di Rancate (Mendrisio)


Franca D.Scotti

... CONTINUA

CHROMA COLLECTION di PROENZA SCHOULER


Lancôme x Proenza Schouler un incontro di stili, due marche che condividono una visione di femminilità ... CONTINUA

HOME: NEWS - ARCHIVIO: 78 - 77 - 76 - 75 - 74 - 73 - 72 - 71 - 70 - 69 - 68 - 67 - 66 - 65 - 64 - 63 - 62 - 61 - 60 - 59 - 58 - 57 - 56 - 55 - 54 - 53 - 52 - 51 - 50 - 49 - 48 - 47 - 46 - 45 - 44 - 43 - 42 - 41 - 40 - 39 - 38 - 37 - 36 - 35 - 34 - 33 - 32 - 31 - 30 - 29 - 28 - 27 - 26 - 25 - 24 - 23 - 22 - 21 - 20 - 19 - 18 - 17 - 16 - 15 - 14 - 13 - 12 - 11 - 10 - 9 - 8 - 7 - 6 - 5 - 4 - 3 - 2 - 1 -


  PRIVACY AND COOKIES
Powered by MMS © EUROTEAM 2015